PAPA FRANCESCO

Il Gran Maestro dell'Ordine di Malta contesta il Papa: "Stia fuori dai nostri affari interni"

Sabato 24 Dicembre 2016 di Franca Giansoldati
9
Città del Vaticano Il disordine di Malta. Non si era mai visto prima che un Gran Maestro dell'Ordine di Malta, eletto a vita dai cavalieri professi, contestasse tanto apertamente e platealmente un Papa al quale dovrebbe, invece, assoluta obbedienza. “Fuori dalle nostre questioni interne”. E, invece, il Gran Maestro Festing, un nobile inglese conosciuto per il suo temperamento piuttosto sanguigno ed eccentrico, ha scelto lo scontro aperto con Papa Bergoglio per avere dato mandato ad una commissione di inchiesta di cinque membri di fare luce sugli ultimi atti di governo del Gran Maestro. Il caso del siluramento del Gran Cancelliere tedesco Boeselager, sostituito in fretta e furia agli inizi di dicembre con il cavaliere maltese Critien, non è piaciuta al Papa per i metodi brutali utilizzati, con la motivazione di avere dato l'ordine di distribuire dei profilattici in Africa per fermare il contagio dell'Aids.

“Il Gran Magistero appresa la decisione – si legge in una nota ufficiale diffusa oggi e concordata con il cardinale patrono dell'Ordine, Raymond Burke, capofila dei contestatori di Papa Francesco – ha appreso della decisione della Santa Sede di nominare un gruppo per far luce sulla sostituzione del precedente Gran Cancelliere. La sostituzione del precedente Gran Cancelliere è un atto di amministrazione interna al governo del Sovrano Ordine di Malta e di conseguenza ricade esclusivamente nelle sue competenze. La nomina di cui sopra è il risultato di un equivoco della Segreteria di Stato della Santa Sede”. La formula suona come un altolà: fuori dagli affari interni dell'Ordine.

Festing ha scritto una lettera al Papa per spiegare per filo e per segno i motivi della sua decisione, maturata dopo il risultato di una ricerca interna. “Si era venuta a creare una situazione estremamente grave e insostenibile” fino alla destituzione di Albrecht Freiherr von Boeselager che nei giorni scorsi si era rifiutato di dimettersi dai suoi incarichi come richiesto da Festing, in presenza del cardinale Burke, rappresentante del Santo Padre presso l’Ordine di Malta.

“La ragione della sospensione da Gran Cancelliere, ha spiegato Festing, è dovuta a gravi problemi accaduti durante il mandato di Boeselager come Grande Ospedaliere dell’Ordine di Malta, e il successivo occultamento di questi problemi al Gran Magistero, come dimostrato in un rapporto commissionato dal Gran Maestro l’anno scorso”.

Dalle indiscrezioni filtrate non sarebbe stata bloccata la distribuzione dei profilattici in diverse zone del mondo, in aree di guerra o comunque critiche, dove operano le strutture mediche e i volontari dell’ Ordine di Malta. Insomma, avrebbe lasciato correre tradendo i principi cristiani. Il report annuale di UNAIDS, per esempio, riporta per l'anno 2005, una distribuzione di oltre decine di migliaia di condom per contrastare la pandemia in tante zone africane.   Ultimo aggiornamento: 26 Dicembre, 23:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento