Pomezia, il sindaco Fucci: «Mi ricandido fuori da M5S. Ho rifiutato incarico dalla Raggi»

Sabato 10 Marzo 2018
5
«Ho scelto di ricandidarmi alle prossime comunali con una lista civica, Essere Pomezia. Ho scelto una lista civica perché il M5S non mi permette una nuova candidatura nel nome di una regola miope che non tiene conto del merito e delle persone. Alla politica di professione, quella che mi assicurava un incarico molto ben pagato come capo di gabinetto della Raggi, ho preferito la politica del territorio, quella che si prende cura dei cittadini e fa crescere la città». Lo annuncia su facebook il sindaco di Pomezia Fabio Fucci.

«Ho scelto di ricandidarmi perché per cinque anni ho lavorato per salvare la nostra città dal fallimento, per renderla più bella e più pulita, per garantire servizi a tutti, in particolare alle fasce più deboli della popolazione. Ho scelto di ricandidarmi perché amo questa città e mi sento parte di una grande comunità di persone che non si sono arrese al degrado, al clientelismo, alla cattiva politica, e ci hanno creduto, hanno creduto in me, nelle mie competenze e nel mio operato. Ho scelto di ricandidarmi perché abbiamo raggiunto risultati entusiasmanti che vanno tutelati, garantiti, ottimizzati, e perché ce ne sono molti altri da conquistare», si legge nel post su facebook di Fucci che conclude: «L'impegno, la tenacia e la passione che ho messo in cinque anni di governo cittadino sono oggi ancora più forti in questo nuovo progetto. Continuità e crescita per Pomezia, perché la città non può ricominciare tutto da capo con persone senza esperienza da sindaco. Io ci metto ancora una volta la faccia e il cuore».

«Cosa ho votato alle ultime elezioni? Alle Regionali certamente non ho votato per Roberta Lombardi. Come ho detto esplicitamente non godeva della mia stima, e la mia preferenza non l'ho data a lei. Ma non credo sia importante dire a chi l'ho data. Anche rispetto alle Politiche, preferisco non dire per chi ho votato», ha detto Fucci.
Ultimo aggiornamento: 18:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti