Il Viminale teme l'escalation «Linea dura con chi attacca»

Marco Minniti (lapresse)
di Sara Menafra
Il ministro dell'Interno, Marco Minniti, non nasconde di essere preoccupato per il clima d'odio che si respira. Scontri praticamente tutti i giorni, aggressioni a singoli di destra e di sinistra, manifestazioni sempre più violente. Da inizio anno sono stati contati 70 episodi di violenza legati alla campagna elettorale. Coi suoi uomini il titolare del Viminale ha cercato di essere chiaro, partendo anche dal fatto che finora, sebbene la tensione sia tanta, Polizia e Carabinieri sono sempre intervenuti abbastanza velocemente per...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 22 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 23-02-2018 08:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 27 commenti presenti
2018-02-23 05:14:19
Questa volta non voto, è inutile, sono tutti uguali.
2018-02-22 19:12:45
Bravo Minniti: Non ci deludere!
2018-02-22 18:41:43
quanti ne avete rimpatriati da inzio anno.....................?
2018-02-22 18:13:36
mi deve spiegare ministro perchè noi contribuenti dobbiamo pagare traffico telefonico ai migranti? nelle sedi hanno wi-fi,,,,mettete un tel a dispiszione come fanno nei convitti, scuole ect,,,ma che sarebbe che a ognuno si deve dare traffico pagato? mangiano pure gestori allora?
2018-02-22 18:08:06
e se alle elezioni dovesse vincere una forza pro-immigrazione ne vedremo davvero delle belle. Delinquenza e violenza italiana sommata alla feccia e disperazione di mezzo mondo che attireranno qui' e alla quale dovremo pagare pure sanitĂ  e sussidi. Il degrado portato dai branchi di balordi africani che ci gustiamo adesso sarĂ  una serata di gala a confronto. Se ne renderanno conto anche i babbei che difendono gli immigrati,ma allora sarĂ  davvero troppo tardi viste le loro (in)capacitĂ  cognitive
27
  • 34
QUICKMAP