MATTEO SALVINI

Centrodestra, Berlusconi-Salvini: patto per cercare voti tra i grillini

Mercoledì 14 Marzo 2018 di Mario Ajello
16

La legislatura dipenderà dalla tenuta del centrodestra. Se si rompe la coalizione, può partire una slavina che si fermerà magari col passare del tempo a un governo M5S-Lega con legge elettorale maggioritaria e voto subito in un nuovo schema bipolare: io contro di te, e vediamo chi vince. Scenario possibile? Tutto sembra possibile. Ma un punto fermo, almeno uno, già c'è: «Governo con i 5 stelle? Di sicuro mai un governo con il Pd», dice Salvini in giornata. E in serata, c'è il vertice a Palazzo Grazioli con Berlusconi, Salvini e Meloni. La delicatezza dell'incontro è ben presente a tutti e tre i protagonisti. Il primo ad arrivare è Salvini, e Berlusconi lo accoglie così, sorridendo: «Qui il padrone di casa sono io, ma il padrone della casa del centrodestra ormai sei tu». Uno scherzo, ma anche la realtà. E così, nel summit - anche per evitare un accordo Lega-M5S sulle presidenze delle Camere e eventualmente su un eventuale governo - si decide di dare a Salvini il mandato di trattare cercare voti tra i grillini. Ma non tanto trattando con Di Mai, bensì prendendoli radom tra i cinque stelle disponibili. E Berlusconi a Matteo e a Giorgia: «Guardate che poi non sono tutti tanto male. Qualcuno responsabile che potrebbe votare il nostro governo e i nostri presidenti si trova. Sono talmente tanti... E molti sfuggono al controllo di Di Maio e di Casaleggio».
Su questo schema di apertura ai grillini, però, la Meloni non è d'accordo. Il clima comunque è buono. La cena, dicono i presenti, anche. Si cerca di non litigare. Ci si riesce. A un certo punto la Meloni propone: «Matteo, perché il presidente del Senato non lo fai tu?». Sarebbe un modo per facilitare l'incarico per Palazzo Chigi o forse no. Comunque Salvini prende tempo. Per Berlusconi, l'importante è che Salvini non tratti in proprio con M5S. Perché sennò, salta tutto e la coalizione non c'è più». Si stanno sforzando di evitare questo big bang. E la serata di ieri sembra un passo avanti nell'unità. Che comunque è sempre a rischio.

LE COMITIVE
Nella sala da pranzo di Grazioli, Salvini si è fatto accompagnare da Giorgetti, Meloni da La Russa e Berlusconi li accoglie in compagnia non di Gianni Letta ma di Licia Ronzulli e Niccolò Ghedini: due abituati a parlare e a capirsi con il capo del Carroccio. Meloni dice a Salvini che non può giocare in coalizione come premier e da solo per le presidenze delle Camere. Salvini risponde a lei e Berlusconi: «Io non ho avviato nessun accordo con i grillini. Sono stupidaggini quelle che vengono messe in giro». Cioè sulla doppietta salvinista per Montecitorio e Palazzo Madama formata dal leghista Giorgetti e dal grillino Toninelli. Berlusconi in proposito avanza un'altra coppia: «Votiamo tutti Giorgetti alla Camera, e anche io mi opero per far arrivare su di lui consensi pure dai grillini e qualcuno dal Pd, e votiamo tutti Romani a Palazzo Madama, dove bastano i nostri voti».

Devono stare tutti insieme, cercando di superare le reciproche diffidenze. Berlusconi teme che Salvini voglia votare presto e c'è tra i forzisti chi lo vede già impegnato in una nuova campagna elettorale. E ancora: Silvio teme che Salvini voglia stare all'opposizione di qualunque governo possibile, di scopo o quel che sia, lucrando consensi ai danni di Forza Italia per poi incassarli nel voto magari già il prossimo autunno. Ma nella serata, più dei dubbi sono emersi i comuni propositi. E oggi Berlusconi vede a pranzo lo stato maggiore forzista, e poi presenta a Montecitorio i nuovi eletti del suo partito. Cercando di rassicurare tutti.

Ultimo aggiornamento: 15:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Un film per ricordare Angelo

di Marco Pasqua