Casini vince nella Bologna ex rossa: moderazione fattore post ideologico

Casini vince nella Bologna ex rossa: moderazione fattore post ideologico
di Marco Ventura
2 Minuti di Lettura
Martedì 6 Marzo 2018, 10:18

ROMA - Da Bologna è partito e a Bologna è tornato stringendo di nuovo il rapporto con il territorio, con «la città più bella del mondo» come la definisce Pier Ferdinando Casini. Destro come il suo gemello politico Marco Follini era nella Dc sinistro, Casini è riuscito nello tsunami del centrosinistra a fare il 33.12%, stracciando nella rossa Emilia lo sfidante Vasco Errani targato LeU e sostenuto dalla Cgil. Ha vinto, Casini, facendosi forte della radicata empatia cittadina, la bolognesità come manifesto politico post-ideologico. E a una rete tessuta negli anni che lo ha portato in Parlamento per la decima legislatura consecutiva, decano dei parlamentari a soli 62 anni con l'eccezione di Napolitano. Valgono ancora le parole di Forlani suo mentore dc: «Anche da giovane era piuttosto adulto. Per equilibrio, attenzione ai problemi, moderazione. Forse preferiva già stare con i grandi, era intraprendente, ma non petulante Dotato di senso dell'umorismo, rifuggiva dagli aspetti un po' settari del correntismo Era un giovane garbato nel tratto, ma con una marcata propensione a una propria autonomia di giudizio».

LEGGI ANCHE: Da Giarrusso alla Barra, ecco i leader e i vip che non ce l'hanno fatta


I RAPPORTI
Casini è riuscito, forse unico tra gli ex alleati di Berlusconi, a mantenere con Silvio un rapporto di stima-rispetto, ma staccandosi nel momento più duro dall'alleanza con lui e Fini, riuscendo nel 2008 a ottenere, da solo, il 5.6% e a eleggere 36 deputati e 3 senatori. Inaffondabile, sapiente nelle manovre, pragmatico ma capace di assumere se necessario posizioni controcorrente come l'adesione allo Ius Soli. Per nulla fanatico, c'è che Casini trasmette il divertimento che prova nel «fare politica» senza livore, in sintonia con l'espansività bolognese. Quando la sua Udc pian piano si è disgregata nella deriva montiana, ha conservato la levatura di ex presidente della Camera, dedicandosi con passione a uscire dal provincialismo italico, Presidente della Commissione Esteri, insegnando relazioni internazionali all'Università, approfondendo il filone maturato da leader dei parlamentari e poi democristiani di tutto il mondo. Per poi gettarsi di nuovo, a capofitto, nella bolognesità da cui era partito. Padre dirigente locale della Dc, a 24 anni Pier era consigliere comunale, alla Camera nell'83 con 34mila voti.
Non a caso ieri ha scelto Piazza Maggiore per ringraziare il suo popolo. Ha condotto la campagna azzerando le barriere ideologiche col suo travolgente ottimismo bolognese. Per farlo si è appellato, come quando fu eletto al più alto scranno della Camera, alla Madonna di San Luca, che protegge tanto i cattolici che i comunisti bolognesi. Hanno giovato, a Casini, anche le battute sdrammatizzanti. «Oh, qua ci sono troppi comunisti!». Perché alla fine, prima che comunisti, i bolognesi si sentono bolognesi. E in Casini hanno visto chi li poteva rappresentare a Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA