Licenziata la maestra diplomata: a Salerno il primo caso in Italia

di Gianluca Sollazzo
A Salerno la prima maestra in Italia con diploma magistrale licenziata. Una sentenza della Corte di Appello di Salerno fa tremare il mondo delle maestre diplomate escluse dalle graduatorie ad esaurimento. Proprio mentre il governo vara il «Decreto dignità» contenente un provvedimento ponte che congela per 120 giorni le maestre diplomate già assunte un anno fa dopo lo scorrimento delle Gae, da Salerno arriva un pronunciamento giudiziario che va nella direzione opposta. I giudici della Corte di Appello di Salerno decidono che una maestra salernitana 40enne di scuola elementare non ha più i requisiti per restare nelle annose graduatorie dei precari storici in cui era entrata nel 2015 con sentenza in primo grado favorevole emessa dal giudice del lavoro di Salerno.

Risultato? La maestra perde insieme al diritto di restare in Gae anche l’immissione in ruolo ottenuta l’1 settembre del 2017. Prima entrata in Gae poi cacciata dopo aver superato il primo anno di prova. La beffa della maestra scuote il mondo della scuola. «Per l’effetto, è risolto con effetti immediati il rapporto di lavoro instaurato», scrive l’Ufficio scolastico provinciale che ha dato esecuzione alla sentenza della Corte di Appello. Sarà il dirigente scolastico della scuola di servizio dell’insegnante - fa sapere il Provveditorato - a curare la risoluzione del suo contratto di lavoro. La docente cacciata dalle Gae e licenziata, è stata in servizio quest’anno presso il circolo didattico di Giffoni Valle Piana. Qui la maestra elementare ha svolto il primo anno di prova, superato colloqui e prodotto una relazione finale sotto la supervisione di un tutor.
Mercoledì 4 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 05-07-2018 07:50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-07-04 18:49:38
che e' quella genia con la licenza elementare che ha prodotto sto risultato ?
2018-07-04 17:36:26
Dovrebbe essere licenziato chi licenzia no la maestra.
2018-07-04 14:24:49
Da che mondo e mondo siamo tutti cresciuti con maestre elementari diplomate infinitamente migliori di certa gentaglia che oggi si fa chiamare "opinionista" o "influencer" o "consulente" vari. Non capisco proprio perché mai oggi un diploma magistrale non vada più bene, sopratutto vista la deriva dell'intelletto umano italiano degli ultimi anni. Che si torni rapidamente indietro di almeno 3 o 4 riforme scolastiche (una peggio dell'altra) per il bene dei nostri figli e del nostro futuro, oltreché del modo del lavoro scolastico.
2018-07-04 11:53:04
Che schifo
2018-07-04 11:23:13
Come spesso in Italia...danno e beffa, sempre sulle spalle di chi lavora. Chi ha legiferato ha creato un caos incredibile e chi ne fa le spese sono i lavoratori. Perché queste nuove leggi che vanno a colpire diritti acquisiti non vengono fatte per quelli acquisiti dai politici indebitamente e per i quali questi signori(?) fanno ricorsi vincendoli? Due pesi e due misure....sempre!
QUICKMAP