Metodo Stamina, Tar accoglie il ricorso
sospesa la bocciatura del Ministero
Lorenzin: subito un nuovo comitato

Mercoledì 4 Dicembre 2013
10
Il Tar del Lazio ha sospeso il decreto di nomina della commissione del ministero della Salute che ha bocciato il "metodo Stamina". Di conseguenza viene sospeso anche il parere contrario alla sperimentazione. E' stato quindi accolto il ricorso del presidente di Stamina, Davide Vannoni.



L'ordinanza. Nell'ordinanza i giudici amministrativi (che hanno fissato all'11 giugno l'udienza di merito) hanno anche fatto una sorta di invito al ministero della Salute a effettuare un'istruttoria approfondita sul tema del "metodo Stamina". Stamina Foundation contestava davanti al Tar la composizione della commissione scientifica del Ministero che aveva bocciato la sperimentazione, sostenendo, che gli esperti non erano stati imparziali e che alcuni membri si erano espressi contro il metodo prima ancora di essere nominati.



Tar: in commissione anche chi è a favore del metodo Stamina.
«E' necessario - scrive il Tar - che ai lavori del Comitato scientifico per la sperimentazione che ha bocciato il "metodo Stamina"partecipino esperti, eventualmente anche stranieri, che sulla questione non hanno già preso posizione o, se ciò non è possibile essendosi tutti gli esperti già esposti, che siano chiamati in seno al Comitato, in pari misura, anche coloro che si sono espressi in favore del metodo».



Ministero Salute nomina nuova commissione. Il ministero della Salute ha annunciato che nominerà un nuovo comitato scientifico di esperti per una nuova valutazione del protocollo Stamina di Davide Vannoni. «Ho voluto attivare immediatamente le procedure per il nuovo comitato scientifico perché ritengo che in questa vicenda non si possano lasciare i malati e le famiglie nel dubbio» ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Il ministero, si sottolinea in una nota, provvederà già nelle prossime ore alla nomina dei nuovi componenti del comitato scientifico, scelti anche tra esperti stranieri. «La tempestiva ripresa dei lavori del comitato scientifico - sottolinea il ministero - permetterà di compiere gli approfondimenti istruttori indicati dal Tar».




«Riconosciute le giuste preoccupazioni del Ministero». «Nell'ordinanza relativa al metodo Stamina, il Tar del Lazio riconosce la giusta preoccupazione del ministero della Salute e della comunità scientifica» sottolinea il ministero della Salute in una nota. «La giusta preoccupazione del ministero della Salute e della comunità scientifica - afferma il Tar del Lazio - che non siano autorizzate procedure che creino solo illusioni di guarigione o comunque, e quanto meno, di un miglioramento del tipo di vita, e che si dimostrino invece nella pratica inutili o addirittura dannose, può essere superata con un'istruttoria a tal punto approfondita in tutti i suoi aspetti da non lasciar più margini di dubbio, anche ai fautori del metodo in esame, ove il procedimento si concludesse negativamente, che il metodo stesso non è, o almeno non è per il momento, praticabile». Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre, 13:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma