Vaccini, scagionato il Fluad: non c'entra con le morti.
L'Iss: «Tutti i test sono negativi»

Vaccini, scagionato il Fluad: non c'entra con le morti. L'Iss: «Tutti i test sono negativi»
2 Minuti di Lettura
Martedì 23 Dicembre 2014, 14:25 - Ultimo aggiornamento: 25 Dicembre, 01:26

Scagionato il vaccino antinfluenzale Fluad: non c'entra i decessi sospetti. I test dell'Istituto superiore di Sanità (Iss) non hanno evidenziato nulla che possa creare un collegamento tra il vaccino e le circa 20 morti riportate. «Tutti i test sono risultati negativi - ha detto il commissario Iss Walter Ricciardi - e non è stata rilevata alcuna difformità» nei lotti esaminati.

«Negativi - ha precisato Ricciardi - sono anche gli ultimi test attesi relativi alle condizioni di sterilità. Non è dunque stata rilevata alcuna difformità». Già informati dall'Iss il ministro della Salute e il direttore dell'Agenzia italiana del farmaco, Luca Pani.

«Accogliamo con soddisfazione i risultati finali delle analisi dell'Istituto superiore di sanità (Iss), che hanno ribadito la piena conformità dei due lotti di vaccino Fluad* e la loro rispondenza a tutti gli standard produttivi e qualitativi dei nostri vaccini». È il commento di Francesco Gulli, amministratore delegato di Novartis Vaccines in Italia. «Questi risultati - aggiunge - sono un'ulteriore conferma del rigore con cui l'azienda esegue i test di sicurezza e qualità durante tutto il processo di sviluppo e produzione dei nostri vaccini». Le analisi - evidenzia Novartis - confermano altresì la mancanza di relazione causale tra la somministrazione di Fluad e i decessi segnalati tra i pazienti anziani. Le evidenze dell'Iss fanno seguito al pronunciamento del Comitato per la valutazione del rischio per la farmacovigilanza (Prac) dell'Ema le cui conclusioni, rese pubbliche il 3 dicembre scorso, sottolineano l'assenza di rapporto causale tra vaccinazione con Fluad e decessi in Italia. Tutti i vaccini Novartis distribuiti sul mercato sono conformi ai rigorosi test e rispondono ai più elevati standard in materia di sicurezza e qualità, inclusi quelli previsti obbligatoriamente dalle autorità regolatorie in Italia e nel mondo, conclude l'azienda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA