Epidurale ed eterologa saranno gratuite in tutti gli ospedali. Ai pazienti apparecchi acustici digitali e computer per invalidi

Mercoledì 28 Gennaio 2015 di Carla Massi
3
Gli apparecchi acustici digitali, i computer per far comunicare le persone gravemente disabili, le barelle per le docce, gli scooter a 4 ruote e le carrozzine con un sistema di verticalizzazione. Ma anche l'anestesia epidurale per il parto senza dolore, la fecondazione assistita sia omologa (tra moglie e marito) sia eterologa (con l'ovulo o il seme di una donna o di un uomo fuori ella coppia), lo screening neonatale, le vaccinazioni gratuite per varicella, pneumococco, meningococco e hpv.



L'ANESTESIA

Ecco i nuovi servizi che, finora sulla carta, dovrebbero entrare tra i livelli di assistenza (lea) del servizio sanitario. Per alcuni si potrà prevedere un ticket per altri no. Nuove prestazioni che il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha valutato secondo le esigenze della popolazione ma anche secondo i criteri di risparmio diretto o indiretto in corsia.



GLI INVESTIMENTI

Gli apparecchi sono stati individuati con lo stesso criterio: più il paziente è avvantaggiato nel convivere con la sua malattia meno bisogno avrà di farmaci, esami, visite. Come i malati di bpco, brocopneumopatia ostruttiva (un grave disturbo respiratorio) per i quali l'elenco del ministero prevede strumenti per l'incentivazione dei muscoli respiratori.



Le novità, ovviamente, chiedono maggiori investimenti. Proprio una settimana fa la Corte dei Conti aveva lanciato un monito: o si pensa di trovare altri fondi oppure i lea non potranno essere aggiornati. Tempo sette giorni e viene annunciato che le nuove 160 prestazioni hanno richiesto una cifra che sfiora i 500 milioni, esattamente 470. Una cifra che viene totalmente compresa nell'aumento di 2 miliardi del Fondo sanitario previsto per quest'anno pari a 111 miliardi di euro.



Ma l'iter non è ancora finito. La prossima settimana, mercoledì, i lea verranno presentati alle Regioni e poi alla conferenza Stato-Regioni. Sono queste amministrazioni, infatti, ad avere la responsabilità, economica e organizzativa, del servizio sanitario.



I MEDICI

Nella “rivoluzione”, anche i medici di famiglia che prescrivono esami ed analisi. Vengono introdotti dei paletti burocratico-sanitari che dovrebbero essere in grado di far calare il numero delle richieste non appropiate. Si parla, infatti, di “condizioni di erogabilità”: alcune prestazioni potranno essere concesse dal servizio sanitario solo se il paziente presenterà alcune particolari condizioni. Una procedura che oggi già è prevista per i medicinali. Oltre un trentina di voci, denominate come “reflex” (ne servono in genere due) saranno così organizzate: il secondo esame potrà essere fatto solo se dal primo risultano elementi patologici.



Novità potrebbero arrivare anche per le esenzioni dal ticket. Nell'elenco sarebbero state inserite malattie che, fino ad oggi, non godevano di nessuna agevolazione. Come la celiachia, la sindrome di Down, la sindrome da Talidomide, l'endometriosi. Oltre alle broncopneumopatie croniche ostruttive moderate, gravi e molto gravi. Ultimo aggiornamento: 29 Gennaio, 16:02

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma