Allarme 118: poche ambulanze, senza medici né infermieri: «Chiamarlo è un terno al lotto»

Mercoledì 2 Maggio 2018
11
Allarme 118: poche ambulanze, senza medici e senza infermieri: «Chiamarlo è un terno al lotto»
Il servizio del 118 è stato smantellato e per questo chiamare un'ambulanza è diventato un terno al lotto. A lanciare l'allarme sul sistema di soccorso è il presidente nazionale del Sis 118 Mario Balzanelli che denuncia: «Negli ultimi 7-8 anni il sistema di soccorso salva-vita è stato smantellato».

A bordo delle ambulanze di rado ci sono medico e un infermiere in grado di intervenire con diagnosi e terapia immediata, spiega Balzanelli. La situazione è peggiore al Nord. «Al Sud - precisa - invece i mezzi di soccorso hanno il personale sanitario, ma troppo spesso arrivano in ritardo perché le ambulanze sono poche. Chiamare il 118 - sintetizza Balzanelli - è un terno al lotto». Balzanelli sottolinea che per il 118 si spende l'1,7% di tutta la spesa sanitaria nazionale, e che negli ultimi anni è stato chiuso il 50% delle Centrali operative. E ricorda che il DM del 2015 prevede che per ogni 60 mila persone, va garantito sui mezzi di soccorso «un team di prestazione avanzata», in grado di fare una diagnosi immediata e di fornire una terapia urgente«. »Ogni regione - spiega - fa a modo suo. E così succede che a Milano su centinaia di ambulanze, quelle medicalizzate, cioè con medico e infermiere a bordo, sono solo cinque. Nel Lazio ce ne sono 16, poche in tutto il Friuli. A Taranto invece chi chiama il 118 sta tranquillo perchè il medico arriva sempre, come in Calabria e Sicilia, dove però c'è carenza di ambulanze e quindi sono sempre in ritardo mettendo a rischio la vita dei cittadini«. Non solo: »Troppo spesso sulle ambulanze ci sono solo soccorritori, volontari o persone che hanno seguito corsi certificati di rianimazione e che non possono intubare, dare farmaci, insomma salvare la vita alla gente«. Ultimo aggiornamento: 3 Maggio, 14:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA