Bentornati voucher, specchio dell’Italia

di Oscar Giannino
Il cosiddetto decreto dignità, a dieci giorni dal Consiglio dei ministri che ne ha esaminato una bozza generale, non ha ancora raggiunto la sua formulazione definitiva. Che dovrà poi superare la bollinatura della Ragioneria e quindi andare all’esame e alla firma del Capo dello Stato, prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Nel corso della settimana scorsa è stato un fiorire quotidiano di annunci di sgravi fiscali, da eventualmente comprendervi. Si è parlato di una prima serie di tagli al cuneo...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 11 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 00:05

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-07-11 16:26:55
Ma nell’era digitale dopo che si è stati capaci di ideare il 730 precompilato, è così difficile tracciare i vaucher? Visto che sono numerati, perché non creare una procedura a parte in cui abbinare a quel numero il codice fiscale di chi li acquista e quello di li cambia e dopo i aggiungere un codice numerico che indica il tipo di lavoro svolto. Basterebbe poi incrociare i dati per vedere se si utilizzano illecitamente. Se Tizio chiama cinque volte a settimana per più mesi un elettricista o un bagnino o una colf e magari sempre la stessa persona, è ovvio che usa i vaucher illecitamente.
QUICKMAP