Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salvini ancora in campagna elettorale. Bruxelles: valuteremo il governo dai fatti non dalle parole

Salvini ancora in campagna elettorale. Bruxelles: valuteremo il governo dai fatti non dalle parole
di Marco Conti
1 Minuto di Lettura
Giovedì 24 Maggio 2018, 15:17
«Valutiamo i governi sulla base di azioni non di parole». Margaritis Schinas, portavoce del.a Commissione Ue, ha capito il gioco degli annunci e della rissa che è in atto in Italia e non si presta a dare sponde. La manovra correttiva resta. Così come l’obbligo da parte dell’Italia della rispetto dei parametri. Il resto sono chiacchiere. Esattamente quelle di Matteo Salvini che continua a dichiarare guerra al mondo come se fosse ancora in campagna elettorale. Ancora senza la delega a ministro dell’Interno, Salvini pontifica su espulsioni e migranti quando gli sbarchi sono nettamente diminuiti ma resta il problema di come rimandare indietro coloro che non hanno diritto. Ancora pochi giorni, o forse ore, ed è probabile che la favella cominci a far cilecca. Ma non c’è da starne certi. Prima del destino cinico e baro c’è sempre il passato a cui aggrapparsi. Se non fosse che la Lega oltre ad aver firmato l’ultima versione dell’accordo di Dublino, ha governato con il resto del centrodestra per oltre quindici anni.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA