Migranti, Salvini, piano di aiuti alla Libia: «Sostegno a Serraj e investimenti»

Matteo Salvini
di Simone Canettieri
In tour in Lombardia per i ballottaggi delle amministrative, Matteo Salvini si concede una battuta tra un comizio e l’altro: «Bobo Maroni ha ragione: a volte serve il fattore C. in politica, non è tutto, ma non fa male». Il ministro dell’Interno sta pensando all’Aquarius approdata, all’alba, a Valencia e spera che la Spagna continui ad accogliere altri migranti («Altri 66mila», dice con un’iperbole»). Al Messaggero, Salvini annuncia una svolta nei rapporti con la Libia...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 18 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 12:04

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-06-18 16:44:23
Dare soldi ai libici non serve a nulla si rimanda il problema di qualche mese, al massimo di qualche anno. Giusto per scavallare le campagne elettorali. Ma poi il problema sta sempre li.
2018-06-18 12:46:10
Ma come? Non voleva tagliare i 5 miliardi ai profughi? Quanti miliardi gli vuole dare ai libici? Certamente i libici saranno motivati a smettere di imbarcare profughi ora che vedono una mega tangente profilarsi all'orizzonte! Ma salvini non diceva che bisogna impedire agli scafisti di arricchirsi? Bastonate ai profughi e soldi ai trafficanti!
2018-06-18 11:22:27
A mio parere il problema dei flussi migratori é un fenomeno epocale e distinguere tra chi fugge dalla fame e quelli che fuggono dalla guerra é pura ipocrisia, dimenticando che spesso quella fame e quella guerra l'abbiamo provocato proprio noi. Lucrare voti in questo campo significa la pochezza della nostra politica ed in questa pochezza, mi appaiono immersi sia la sinistra che la destra, anche perché i popoli occidentali, e il nostro non ne é esente, appaiono condizionati più dal propagandato e bugiardo timore che il loro benessere possa essere vittima, che da uno spirito umanitario ai livelli più bassi possibili . Anche il mondo della cultura non sembra esente da questo latitante umanitarismo,quando evoca possibile, con un certo imbarazzo, che la cultura occidentale possa subire danni dal contatto massiccio con altre culture "inferiori",dimenticando che Roma si nutrì di quelle culture. A dirla in breve, nonostante " il beau geste" della Spagna,copiato, sia pure in ritardo dalla Francia,questo non é un buon giorno per l'Europa e per l'Italia, in particolare.
2018-06-18 11:09:01
Salvini ha ragione..... se si vuole evitare un'invasione - da un futuro molto incerto ed imprevedibile - non c'è altro da fare. L'hanno capito molti altri paesi - esempio - la Francia che respinge migranti a Ventimiglia e la Germania che seleziona i più istruiti. Non si può continuare ad accogliere persone senza documenti ed accettare la loro clandestinità o magari concedere asilo politico a chi non ne ha diritto. Ci sono le leggi e queste devono essere rispettate per il bene nostro e ... loro! E poi ci sono le ONG (ovviamente non tutte) che - secondo me - hanno i loro proficui interessi dietro la facciata della loro declamata "umanità", ma spesso smascherate come complici degli scafisti senza scrupoli che si arricchiscono a spese della nostra ingenuità. Al punto in cui siamo ci vuole solo un legittimo rigore .
2018-06-18 10:05:00
passa il tempo ma le cattive abitudini della destra italiana non cambiano: il problema profughi? Si risolve con una mega tangente ai libici!
QUICKMAP