Il referendum fallito e il realismo magico di Emiliano

Lunedì 18 Aprile 2016 di Mario Ajello
Michele Emiliano
4
Winston Churchill diceva che «i problemi della vittoria sono più difficili da gestire rispetto a quelli della sconfitta». Forse è vero. Anche perché i problemi della sconfitta possono essere aggirati agilmente, negando che la sconfitta sia avvenuta. È quanto sta facendo in queste ore Michele Emiliano, il governatore pugliese che aveva scelto il referendum No Triv come base di partenza da leader dell'anti-renzismo nazionale. «Abbiamo vinto!», ripete dal momento in cui il quorum non è stato raggiunto, e anche da prima. Un atteggiamento che, in letteratura ma non solo, si chiama realismo magico. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani