LUIGI DI MAIO

Reddito di cittadinanza, frenata M5S: «Sarà fuori dal Def». Segnali al Pd sul lavoro

Martedì 13 Marzo 2018 di Stefania Piras
70

Appena comincia a circolare il nome di Maurizio Martina le facce rimangono tirate. «E quanto resta alla guida del Pd?», chiedono dal comitato elettorale dei Cinque Stelle sbuffando. Che poi l'aura elettorale, in verità, sta scemando in fretta per far posto a una sorta di segreteria ristretta del candidato premier Luigi Di Maio (ieri ha pure stoppato sul nascere tutti i tentativi di chat collettive dei parlamentari). «Un sostegno Pd? Andiamo a sbattere sia noi che voi», allarga le braccia Ettore Rosato parlottando con Sergio Battelli e Simone Valente. Il M5S invece auspica un processo di assunzione di responsabilità da parte del Pd che consiste nel detronizzare completamente il segretario Matteo Renzi. Oggi sarà alla sala stampa estera per «parlare all'Europa e alla Merkel».

LEGGI ANCHE: Reddito di cittadinanza, che cos'è

Le premesse sono dure: «Vedo i soliti giochi di potere sulla pelle dei cittadini», scrive il leader del M5S su Twitter e incolpa Pd, Lega e Fi: «Gli italiani si aspettano responsabilità da chi ha fatto questa legge elettorale». In sostanza Di Maio dice che non è colpa del M5S se c'è questo tripolarismo sbilenco. E pensare che di segnali al Pd, i pentastellati, ne stanno lanciando molteplici. Il primo, frutto di una confidenza di un alto papavero pentastellato, riguardo il reddito di cittadinanza. «È identico al Reddito di inclusione! Ma non si può dire: le due misure sono praticamente uguali solo che arrivano da due partiti che si sono sempre accapigliati». La stessa fonte conferma che è impossibile inserire il reddito di cittadinanza nel Def, ragion per cui si lavorerà sull'esistente. Realpolitik all'ennesima potenza, insomma.

IL RIFORMISMO
L'universo semantico dei messaggi in bottiglia inviati alla sinistra fanno riferimento al mondo del lavoro, salario minimo orario, concertazione e produttività. E quindi il reddito di cittadinanza è in stand by. Ora il ministro del lavoro designato da Di Maio, Pasquale Tridico, lo chiama reddito minimo condizionato. Perché, intanto diventa un bacino di risorse che si autofinanzia, quindi slegato il più possibile dal rapporto deficit /Pil, è pensato strettamente interdipendente dagli investimenti produttivi dello Stato nei settori a più alto ritorno occupazionale e poi, come detto, il provvedimento non esiste al di fuori di ciò che c'è già. E un'ottima base di partenza c'è: il reddito di inclusione, appunto, che quando sarà a regime arriverà a 2,5 milioni di famiglie.

Il M5S calcola il reddito di cittadinanza per 2,7 di famiglie. Persino i numeri dei destinatari collimano. Ci sarebbe il trasferimento degli uffici che seguono la pratica: dai comuni ai centri per l'impiego. Un po' come per i vaccini. L'immunologo Guido Silvestri nel programma elettorale elaborato per il M5S ha sottolineato come sia importante non scostarsi da una legge dello Stato comunque approvata, il decreto Lorenzin che prevede il ritorno all'obbligatorietà e il monitoraggio dell'immunità di gregge che per alcune patologie è basso.

Lo spirito è iper pragmatico e deriva dalle ex zone rosse. Andrea Roventini, il prof designato per il Tesoro, è di Mirandola; seppur giovane sa di cosa si sta parlando. Lo raccontò Edmondo Berselli riportando la summa di questo esprit laburista, di sinistra: «Perché se apre un c...o di fabbrica disse in un animato incontro con il sindacato il primo cittadino di Modena Rubes Triva il socialismo avanza più di quando una fabbrica chiude». Se proprio ci deve essere un qualcosa che debba avere cittadinanza è infatti il lavoro. Non a caso ieri Roventini durante una lezione tenuta alla Sant'Anna di Pisa a giovanissimi delle superiori ha parlato di un circuito economico che si riattiva attraverso le banche «che devono ricominciare a prestare denaro alle imprese».

Stare all'opposizione però ha lasciato tracce indelebili se c'è chi solleva dubbi su «1.600 assunzioni di cui 600 dedicate alle misure per l'inclusione attiva e al reddito di inclusione» nei centri per l'impiego come fa l'eurodeputata pugliese Rosa D'Amato che annuncia un'interrogazione. Evidentemente lei non partecipa al grande bagno di realtà che allaga i locali di via Piemonte 32, a Roma.

Ultimo aggiornamento: 15:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Whatsapp parla chiaro: studenti on line in classe

di Raffaella Troili