Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rai, sfiduciato Campo Dall'Orto: «Bocciato il piano news del dg». Anche la Maggioni vota contro

Rai, sfiduciato Campo Dall'Orto: «Bocciato il piano news del dg». Anche la Maggioni vota contro
di Stefania Piras
2 Minuti di Lettura
Lunedì 22 Maggio 2017, 15:50 - Ultimo aggiornamento: 23 Maggio, 07:38

Game over. Manca la fiducia al piano informazione: durante il cda Rai in corso in viale Mazzini è stato respinto  a maggioranza il piano presentato dal dg Campo Antonio Dall'Orto. E per un direttore di un'azienda radio televisiva di stato non veder passare un piano news significa molto più che un campanello d'allarme ma il sipario. Sul piano informazione sono piombati 5 no secchi: quello della presidente Monica Maggioni e dei consiglieri di amministrazione Franco Siddi, Rita Borioni, Arturo Diaconale e Giancarlo Mazzucca. Due gli astenuti: Marco Fortis e Carlo Freccero. Solo Guelfo Guelfi ha votato a favore della proposta del dg. Al momento della votazione era assente il consigliere Paolo Messa che ha scelto di abbandonare il cda in manifesto dissenso nei confronti di Campo Dall'Orto. 
La decisione è avvenuta dopo aver trattato il caso Anac e in seguito ad una relazione del collegio sindacale su questo tema

 
Messa aveva spiegato al Messaggero ieri che si stava seriamente correndo il rischio "reality show". «Non credo giovi alla Rai un conflitto permanente ed una situazione di sostanziale paralisi» ha detto poco fa lasciando il cda 
«In questi mesi - afferma - ho rappresentato una posizione critica sulla gestione aziendale e in particolare sulle vicende che sono state oggetto di una delibera dell'Anac. Purtroppo le mie critiche e le mie proposte non hanno trovato riscontri. Credo sia un dovere, anche per rispetto dello stesso Campo Dall'Orto, trarne le conseguenze ed ammettere che sono venute a mancare le condizioni a base del rapporto di fiducia con il direttore generale».

«Resto finché ci sono le condizioni». Campo Dall'Orto aveva usato nelle scorse settimane proprio questa formula per spiegare che non avrebbe resistito a oltranza. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA