PAPA FRANCESCO

Partigiano nel 1945 uccise un prete, la figlia 70 anni dopo chiede perdono in chiesa per le colpe del padre

Venerdì 13 Aprile 2018 di Franca Giansoldati
Reggio Emilia – Il veleno che aveva prodotto tossine, intossicando il clima e intere generazioni, stavolta lascia spazio ad una storia di riconciliazione esemplare. A settant’anni di distanza la figlia di un partigiano comunista giudicato colpevole di avere assassinato nel 1945 un giovane seminarista – Rolando Rivi beatificato nel 2013 da Papa Francesco - chiederà perdono, nel corso di una cerimonia religiosa, per ciò che commise suo padre a cavallo dei giorni della Liberazione, in un territorio avvelenato da un clima di odio, di esasperazione, di violenza feroce. La categoria del perdono, nel pieno del Triangolo Rosso, è destinata ad andare ben oltre la pratica cristiana assumendo i contorni di un atto altamente simbolico per l’intera nazione, come una specie di catarsi collettiva, capace persino di riscrivere la storia, anche la più lacerata, tra vincitori e vinti, vendette, barriere omertose, specchio di sviluppi venati da ideologie. Talmente potente da indicare il cammino della pacificazione generale.

Domenica pomeriggio nella pieve di San Valentino di Castellarano – un piccolo paesino nella bassa reggiana in cui nacque Rolando Rivi – Meris Corghi, la figlia di Giuseppe Corghi, uno dei due partigiani che lo uccise, chiederà perdono ai fedeli per ciò che fece suo padre, avvalorando le parole del Vangelo, rendendole concrete. La cerimonia religiosa è stata preparata dal vescovo di Reggio Emilia, monsignor Massimo Camisasca, da tempo impegnato a pacificare un territorio ancora lacerato dagli strascichi della Resistenza e delle giustizie sommarie che vennero fatte dopo il 25 aprile, nonostante siano passati tanti decenni.
 
Meris Corghi parlerà a cuore aperto dallo stesso altare sotto il quale è custodito in un’urna di cristallo il corpo del beato Rolando. Al suo fianco ci sarà il vescovo Massimo Camisasca che celebrerà la messa per il settantatreesimo anniversario del martirio che ricorre precisamente domani. Invitato alla messa anche Otello Montanari, il partigiano che vent’anni fa, fece crollare il muro di silenzio con l’operazione  Chi sa parli, avviando una riflessione politica comune sulla complessità storica del dopoguerra in Emilia.
 
A far nascere il bisogno a Meris Corghi di parlare pubblicamente è l’eredità ricevuta in punto di morte da una anziana zia, la quale a sua volta raccolse le ultime parole del partigiano Corghi, e la confessione che ad uccidere il prete era stato lui e che si pentiva per quello che aveva commesso. Un clamoroso «gesto di riconciliazione». Corghi era a capo del battaglione Frittelli della divisione Modena Montagna appartenente alla Brigata Garibaldi. Il 10 aprile di 73 anni fa sequestrò il giovane seminarista reggiano assieme al compagno partigiano Delcisio Rioli. Gli tolsero l’abito e lo sottoposero a orrende torture, umiliazioni e sevizie. Dopo tre giorni lo condussero in un bosco gli fecero scavare la sua fossa e poi lo uccisero. Il giorno successivo, il padre del seminarista 14enne assieme al cappellano don Alberto Camellini, trovarono la salma dopo aver seguito le indicazioni degli stessi assassini.
 
I partigiani Corghi e Rioli furono processati e condannati anche se dei 22 anni di pena ne scontarono soltanto sei grazie all’amnistia decisa da De Gasperi e Togliatti.
 
  Ultimo aggiornamento: 20:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA