Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cancellieri: in arrivo il reato di omicidio stradale, le vittime meritano giustizia

Il ministro Anna Maria Cancellieri
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 1 Gennaio 2014, 13:36 - Ultimo aggiornamento: 2 Gennaio, 17:01
Entro gennaio porter in Consiglio dei ministri un pacchetto di norme sulla giustizia che conterr anche l'introduzione del reato di omicidio stradale: lo ha annunciato il ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, in un'intervista al Tg5. «Si tratta di gravi reati - ha detto Cancellieri - rispetto ai quali è giusto che le vittime abbiano la giustizia che meritano».



«La cosa più importante - ha detto il ministro - è l'efficacia delle norme che verranno adottate. Norme che colpiranno gli autori di questi reati, che sono gravi, per fare in modo che le vittime abbiano la giustizia che meritano. Spesso, infatti, le famiglie delle vittime si sentono offese nel loro dolore perché non hanno i riscontri che meriterebbero».



Due giorni fa era stato il padre di Stella Manzi, la bambina romana di otto anni rimasta uccisa a causa di un incidente automobilistico avvenuto la sera di Santo Stefano, a lanciare un appello al ministro per un inasprimento delle norme. La bambina era stata investita da un automobilista ubriaco, sotto effetto di droga e senza patente, che ieri è stato arrestato.



Renzi «Basta annunci! Se c'è volontà si faccia subito, senza perdere tempo». Lo scrive su Twitter il segretario del Pd e sindaco di Firenze Matteo Renzi a proposito della proposta di inserire l'omicidio stradale nel Codice penale. «Sull'omicidio stradale - continua Renzi - noi siamo con vaLoreVita al lavoro da tre anni».
© RIPRODUZIONE RISERVATA