Migranti, espulsione subito per chi ruba o stupra

Migranti, Trenta chiama la Nato. E per chi ruba espulsione subito
di Cristiana Mangani
E dopo l'immigrazione arriva la sicurezza, un'altra delle priorità del ministro Salvini. Anche se, per come l'ha chiarita lui stesso ieri, le due questioni sembrano essere molto legate tra di loro. Il leader del Carroccio ha spiegato che verranno fatte delle modifiche normative. Questo per permettere l'espulsione di chi è in possesso dello status di rifugiato qualora commetta qualche reato. Rapina, furto, stupro, sono alcuni dei crimini che consentirebbero di cancellare i benefici e il permesso in Italia, e di...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 8 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 09-06-2018 07:55

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 109 commenti presenti
2018-06-10 16:45:44
Volevo dire, qui nessuno è razzista a prescindere, ma lo si può diventare quando una storia del genere degenera, l' irresponsabilità dei precedenti politici hanno generato il caos, ma tutto sulle spalle del popolo italiano che ne subisce le conseguenze ; ormai furti, rapine, stupri, risse sono quasi all' ordine del giorno, ma ora si intravede una luce in fondo al tunnel che forse ci consentirà di ripristinare la legalità attraverso provvedimenti anche drastici, ma necessari al riequilibrio del giusto rapporto diritto/dovere. Il circo e i suoi pagliacci hanno ora chiuso i battenti,forza Salvini, siamo con te.
2018-06-10 16:14:06
Già sarebbe un buon segnale se non arrivasse più nessuno o si rimpatriassero quelli che sbarcano. Mentre quelli che già ci sono vengono protetti dalla sinistra per una manciata di voti e affaristici centri di accoglienza.
2018-06-10 16:07:48
Ma queste leggi già ci sono e si parla di migranti che hanno commesso reati e hanno ricevuto più espulsioni, ma stanno ancora in giro a delinquere burlandosi di noi e delle nostre leggi. Il problema è che si pensa sempre di costosissimi viaggi aerei invece che navali per portarli sulle coste dalle quali sono partiti (Libia, Tunisia, Marocco...) questi paesi ricevono soldi per fermare gli sbarchi. Infine quelli che sbarcano suddividerli nei centri di accoglienza per nazionalità in modo che sia più facile gestirli e rimpatriarli con un solo volo o nave.
2018-06-09 10:22:35
Perchè non iniziare da quelli che già sono in galera? Che ce li teniamo a fare?
2018-06-09 07:37:40
Per essere espulsi devono commettere reati gravi come omicidio o stupro? Mi viene da ridere.
109
  • 25 mila
QUICKMAP