Mattarella: «Le sorti dell'Italia sono comuni, serve corresponsabilità»

Le sorti dell'Italia sono «comuni» e siamo tutti ugualmente responsabili del «futuro». Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella  ricevendo al Quirinale «gli Alfieri della Repubblica».

Il capo dello Stato ha espresso «fiducia nel futuro nell'Italia», consapevoli che serve «corresponsabilità senza chiudersi nella propria dimensione personale, individuale, magari con egoismo». 

«Ho grande fiducia nel futuro dell'Italia e voi ne siete una delle ragioni», ha aggiunto il presidente della Repubblica.



 
Lunedì 12 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 13-03-2018 12:15

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 49 commenti presenti
2018-03-13 13:22:41
Signor GINESTRA2 (7:41), per me le parole hanno un peso. Il M5S non puo' accusare il PD di essere un covo di massoni, p2isti, ladri, mafiosi e corrotti e poi il giorno dopo, come se nulla fosse, chiedere al PD medesimo di appoggiarlo per farlo governare. A mio avviso il PD potrebbe partecipare al governo se a presiederlo fosse un Draghi e se ai ministeri si insediassero personaggi del mondo economico non iscritti ai partiti. Altrimenti governi chi ha vinto le elezioni: ma come, sono anni chevoi del M5S e della Lega sbraitate per chiedere nuove elezioni e far votare il popolo sovrano, e adesso vi tirate indietro?
2018-03-13 10:54:01
Il problema è che le vere voci della gente non arrivano alla presidenza , c'è troppa lontananza tra il politico e l'istituzioni e il cittadino.Questa è la realtà. L'antagonismo politico ha creato una sorta di partitocrazia egoista e litigiosa. Ormai i parlamentari non lavorano per il cittadino da cui sono stipendiati ma lavorano solo ed esclusivamente per la supremazia del partito. Avere il potere ,oggi , significa non governare per migliorare la vita ai cittadini ma per far man bassa di tutto per il proprio arricchimento personale. Capita spesso vedere quelle poltrone occupate da poltroni incalliti gente che non ha mai lavorato ,che si siedono in attesa del comando vota si o vota no. Ci rendiamo conto che questa gente una volta messa li ha ipotecato l'oggi e il domani a spese nostre senza lasciare poi traccia di nulla.Sistema sbagliato ,troppa democrazia fa male ,impossibile che continuino a esistere partitini di chi con qualche soldo riese a fondare oggi al massimo se in una Italia è praticamente impossibile il bipolarismo si formino tre partiti destra ,centro ,sinistra e gli affini si uniscano ,che prende la maggioranza dei voti effettiva governa per 5 anni . questo è il sistema di quasi tutto il mondo. Ma da noi si ha paura ,forse siamo ancora in preda al terrore del fascismo e non riusciamo a dare l'esclusiva di governo a nessuno ,salvo inciuci precari . Si ritorna la voto ,credo questa sia l'unica strada percorribile .
2018-03-13 12:04:18
Bruga, hai scritto il tuo pensiero in maniera semplice e per certi aspetti comprensibile e condivisibile, però mi piacerebbe sapere da te cosa ne pensi ( ho pensato) del famoso Italicum del governo Renzi che prevedeva esattamente quello che tu auspici nel finale del tuo post. ma che l'elettorato ha bocciato preferendo un ritorno al proporzionale voluto da Berlusconi e suoi alleati .
2018-03-13 08:50:04
Questa mente eccelsa parla propioo come la SIbilla Cumana. Scrive frasi sulle foglie e poi le disperde al vento nella caverna della incomprensione umana. Poi ognuno le legge come vuole e siamo tutti contenti e c...anzonati !!
2018-03-13 07:59:17
....e tu sei stato mooolto responsabile firmando questa specie di legge elettorale farlocca. se poi ti aspetti dal PD renziano o dal Berlusca che l'hanno voluta x danneggiare il vincitore reale delle elezioni (in questo caso i 5stelle) beh.....è un appello che cade nel vuoto il tuo senso di responsabilità, visto che gli rtefici di questo giochino stanno attulamenterosicando come le bestie x la sconfitta e che dello stato non gli importa un fico secco, ma solo delle poltrone e del potere che hanno perso.
49
  • 162
QUICKMAP