Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rai, Monica Maggioni indagata per viaggi e note spese. ​Viale Mazzini: «Un fatto tecnico»

Rai, Monica Maggioni indagata per viaggi e note spese
2 Minuti di Lettura
Venerdì 4 Maggio 2018, 13:15 - Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 11:49

Monica Maggioni, attuale presidente della Rai, è indagata dalla procura di Roma in relazioni a fatti relativi a quando era direttore di Rai News. I reati ipotizzati, secondo quanto apprende l'Anas, sono abuso d'ufficio e peculato. L'indagine riguarderebbe sia viaggi effettuati da Maggioni anche per presentare il suo libro sia affidamenti diretti e senza gara d'appalto di servizi per le piattaforme dei nuovi media da parte di Rai News.

LEGGI ANCHE: Licia Colò torna in Rai? A 4 anni dal sofferto addio ecco quale programma potrebbe condurre

L'indagine dei magistrati romani è partita in seguito ad un esposto presentato dal presidente dell'Associazione 'Rai bene comunè Riccardo Laganà nel quale si ipotizzavano una serie di presunti illeciti che sarebbero stati compiuti da Maggioni dal 2013 al 2015. In seguito a quella denuncia, a ottobre scorso la Guardia di Finanza fece un'acquisizione di documenti nella sede Rai di viale Mazzini. «Stiamo fornendo tutta la documentazione richiesta - dissero allora fonti Rai - che era, tra l'altro, già stata consegnata all'Autorità nazionale anticorruzione».

«Gli avvocati che seguono la vicenda per Rai comunicano che le indagini si sono concluse, che l'iscrizione è solo un fatto meramente tecnico e che, ragionevolmente, si arriverà in breve tempo al definitivo chiarimento sulla vicenda. Di più, su questa stessa vicenda ANAC ha svolto approfondite indagini che si sono concluse in data 7 marzo 2018 con un provvedimento di archiviazione». Lo spiega una nota la Rai.

© RIPRODUZIONE RISERVATA