M5S, Roberto Fico sfiducia De Magistris, poi Di Maio lo riabilita

I rapporti tra M5S e il siundaco di Napoli
2 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Novembre 2017, 16:57

Sfiducia o apertura di credito? Succede che a Napoli Luigi De Magistris subisca un pesante atto di accusa politico dal M5S che l'altro giorno ha bocciato su tutta la linea l'operato dell'amministrazione partenopea presentando una mozione di sfiducia in consiglio a Napoli annunciata dal deputato Roberto Fico e dalla senatrice Paola Nugnes. E oggi invece il sindaco De Magistris è stato a colloquio con Luigi Di Maio perché invitato a parlare al convegno organizzato dal M5S  sugli enti locali, sui problemi contabili più comuni che si trovano ad affrontare le amministrazioni locali.

De Magistris è un interlocutore del Movimento sì o no? «Siamo molto preoccupati per la situazione dei conti del Comune di Napoli» diceva solo qualche giorno fa Roberto Fico. «Gli errori amministrativi e gestionali a opera della giunta, così come evidenziati dalla Corte dei Conti nelle scorse settimane, hanno portato l'ente e le sue aziende partecipate sull'orlo del dissesto». Fico fa un bilancio della situazione amministrativa di Napoli e non è tenero. Parla di  «sei anni e mezzo di disservizi in tutti i settori e con una situazione finanziaria gravemente compromessa, bisogna prendere atto che questa amministrazione ha già fallito». «Occorre  - prosegue Fico che annuncia la mozione dei consiglieri M5S - che la giunta faccia un'operazione di trasparenza e dica bene ai cittadini come stanno le cose, questo a garanzia del Comune e della città».

E però nella cornice romana, l'ala governista del M5S che fa capo al candidato premier Luigi Di Maio dimostra di affrontare i problemi contabili di Napoli in tutt'altro modo offrendo sponde e palcoscenico a Luigi De Magustris che oggi è stato a colloquio con Di Maio. «É un incontro con il sindaco De Magistris, con quello di Alcamo, doveva venire anche il sindaco di Venezia che si è scusato di non poterci essere - ha detto Luigi Di Maio motivando il suo incontro a porte chiuse con il sindaco di Napoli - Abbiamo parlato dei Comuni: il vero tema è che dalla Sicilia al Trentino abbiamo una serie di parametri che stanno ingabbiando i servizi che i Comuni dovrebbero poter elagire. Abbiamo parlato dei problemi di bilancio. Facciamo nostri sia emendamenti proposti da Anci, sia da altri sindaci. Mi auguro ci sia una posizione trasversale sugli enti locali»

Posizione trasversale che non è l'opzione scelta sicuramete dal M5S di Napoli, e Roberto Fico in primis. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA