Cadono le teste per la faida Cinquestelle: mine dei pasdaran contro la squadra di Di Maio

Sabato 26 Maggio 2018 di Mario Ajello
17
Mine dei pasdaran M5S per indebolire Di Maio
Chissà che cosa si dicevano, l’altro giorno, Luigi Di Maio e Carlo Sibilia, piuttosto tesi, in un angolo di Montecitorio al primo piano, a due passi dalla sala in cui il premier incaricato Giuseppe Conte consultava i capigruppo. Chi ha provato ad avvicinarsi ai due è stato respinto con perdite: «Stiamo parlando di cose importanti, non dovete interromperci».

I curiosi hanno avuto l’impressione che i due - Sibilia, ex membro del Direttorio, non è allineato al moderatismo di Di Maio - parlassero delle difficoltà e delle divisioni interne al movimento in questa fase delicata dell’approdo al governo con i leghisti. Che una parte dei grillini versante ortodosso, anche se Roberto Fico è imbrigliato nella carica istituzionale di presidente della Camera che gli dà poca libertà di movimento, sembra condividere fino a un certo punto. Cioè poco. E ogni parola del Dibba l’invettivista (e perfino di suo padre, grillino hard), come quelle che sono suonate come un avvertimento a Mattarella e un’intromissione per ostacolare la nascita del governo fingendo di volerlo accelerare, non fa che eccitare la fronda strisciante dentro il movimento. 

IL GIOCO
Potrebbero rientrare in una dinamica di sgambetti interni a M5S anche gli attacchi giornalistici che hanno preso per bersaglio Vincenzo Spadafora, il quale non nasce 5 stelle ma è diventato il consigliere più vicino e più fidato di Di Maio. E forse questi attacchi non sono estranei all’annuncio del possibile ministro (si è parlato, ma i toto-nomi valgono quel che valgono, per lui del dicastero dell’Istruzione o di quello dei Beni Culturali), piovuto ieri a metà pomeriggio: «Non sarò nel governo».

Una maniera per placare le acque (e le invidie). E per evitare che attacchi ad personam, dettati da malumori interni, potessero pregiudicare la nascita del governo. C’è tutto un mondo grillino o filo-grillino (lo stesso Beppe non sembra sprizzare felicità) che è rimasto orfano dell’ipotesi di abbraccio con il Pd e non ama il tandem con la Lega. C’è la senatrice napoletana Paola Nugnes, vicinissima a Fico, ha annunciato che non voterà i provvedimenti di marca lumbard. ronta leghista. Ci sono i malpancisti silenziosi, che sperano che Di Maio il «democristiano» sia solo una parentesi, per poi godersi il ritorno del Che (ossia il Dibba) dal Sudamerica e allora sì che sarà révolucion.

Elio Lannutti, senatore e difensore civico di lungo corso, si affida ironicamente a Padre Pio: «Speriamo che ci aiuti». Non voterà contro Conte - che qualcuno di loro chiama «il Conte Dracula» - ma «sarebbe una tragedia il tradimento di un sogno». E ancora: vengono indicati come «critici» il senatore savonese Matteo Mantero, Nicola Morra (che comunque è uomo di mondo), il neo-eletto Vincenzo Presutto. La confusione, sotto sotto, ma neanche tanto sotto, esiste. 

L’OSSATURA
Esiste soprattutto un dato di fatto. Spadafora sembra essere stato vittima dell’ala oltranzista. E’ risultato il bersaglio perfetto, in quanto rappresenta l’esterno non nativo grillino, che in breve tempo scavalca tutti nel gradimento del leader. Ora, mettendosi fuori dal novero dei ministeriabili, Spadafora ha dato una lezione agli altri, dimostrando di non essere attaccato alla poltrona. E’ stato accusato, e non da ora, di avere un passato (ha lavorato con Rutelli, per dirne una). Come se avere un passato fosse una colpa e non potesse essere invece un bagaglio di esperienze e di competenze sul campo.

Quelle che mai come adesso dovrebbero risultare preziose e ricercate. Il paradosso è che la perizia e la conoscenza vengono respinte, proprio nel momento in cui i 5 stelle che si accingono a governare, hanno bisogno - oltre che di ministri, vice e sottosegretari - di almeno 100-150 burocrati, grand commis, capi di gabinetto, direttori di uffici legislativi e altre competenze, che sono quelle che sono l’ossatura di un esecutivo e la nervatura di una esperienza politica che vuole cambiare tutto. Ma per farlo, ha bisogno di chi conosce i meccanismi da cambiare (e anche quelli da non toccare). Ultimo aggiornamento: 23:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA