LUIGI DI MAIO

Manovra, Di Maio e Salvini difendono il 2,4: ma il primo teme lo spread, il secondo lo sfida

Domenica 30 Settembre 2018 di Marco Conti
3
ROMA Il primo teme, il secondo sfida. Luigi Di Maio e Matteo Salvini difendono a spada tratta ma con modi molto  diversi la manovra di bilancio e quel 2,4% di rapporto deficit-pil. 

Il vicepremier grillino dice che non intende sfidare l’Europa, si dice convinto che lo spread scenderà appena di conosceranno i contenuti della manovra e addirittura accusa l’opposizione di fomentare la speculazione. Il collega leghista mantiene invece un tono molto sprezzante nei confronti di Bruxelles e sostiene che il governo non farà marcia indietro anche se la borsa dovesse continuare a scendere e lo spread a salire. Toni diversi anche nei confronti delle preoccupazioni del Quirinale. 

Resta ora da vedere se la difesa della “manovra del popolo” reggerà alle richieste degli investitori di spuntare maggiori interessi per prestarci le risorse per finanziare il debito.

Marco Conti © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

In ospedale c'è posto per Fido

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma