Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Legge elettorale, Forza Italia incalza il Pd: faccia chiarezza e dica se vuole cambiare

L'aula della Camera
2 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Settembre 2017, 15:55 - Ultimo aggiornamento: 18:13

«Il Partito democratico faccia chiarezza: vuole o non vuole fare la legge elettorale a partire da domani qui alla Camera?». Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala stampa a Montecitorio. «A luglio si è rimandato; a settembre, alla ripresa, si è rimandato di una settimana. Ora questa è la settimana cruciale per approvare il testo base in Commissione, per poi arrivare, entro il mese di settembre, in Aula a Montecitorio. Noi - prosegue Brunetta - abbiamo detto di ripartire da dove si era
lasciato, ossia dal 'modello tedescò, e di verificare tutte le sue possibili varianti. Che il Pd dica qualcosa. Se vuole andare avanti ed arrivare in Aula, oppure se getta la palla in tribuna, come temiamo».

«Noi vogliamo che il Parlamento faccia una legge elettorale, che deve farsi con il massimo consenso possibile, non contro qualcuno, tanto meno contro il Partito democratico. Ma una legge elettorale in Parlamento va fatta. Il cosiddetto Consultellum - conclude - non è una legge elettorale, sono due tronconi di due sentenze della Corte costituzionale di fatto inapplicabili, come ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella».

© RIPRODUZIONE RISERVATA