Lega, Matteo Salvini nuovo segretario: Bossi sconfitto alle primarie

Sabato 7 Dicembre 2013
24

​La Lega ha scelto il suo segretario per la prima volta con le primarie: è Matteo Salvini che ha vinto il duello con Bossi ottenendo l'82 dei voti. Salvini, ha riferito il responsabile organizzativo Roberto Calderoli, ha raccolto 8.162 voti, Bossi 1.833. Il congresso della Lega del 15 dicembre a Torino dovrà ratificare l'esito delle primarie.

«La prima telefonata che farò è ad Umberto Bossi perchè senza di lui non saremmo qui, e penso che debba essere ancora fondamentale per la Lega», sono le prime parole del neo segretario leghista, giunto in via Bellerio. «Bravo Matteo, inizia con te il futuro della nostra grande Lega», scrive intanto su twitter Roberto Maroni.

«La mia sarà una Lega di battaglia» che avrà come primo obiettivo di «riprendere la sovranità» dalla Ue, «ci siamo rotti le palle che Bruxelles ci deve dire come dobbiamo vivere, questo è un gulag», ha detto Salvini, confermando di volersi alleare alle europee con gli euroscettici di altri Paesi. Salvini ha aggiunto di voler proporre al congresso di domenica a Torino «alcuni referendum per il 2014 a partire dall'abolizione dei prefetti, simbolo di occupazione di uno Stato ladro sull'orlo del fallimento».

I seggi sono stati aperti alle 9 e si sono chiusi alle 17. Gli elettori poco più di 17.000 militanti, con almeno un anno di anzianità di iscrizione. Stamani hanno votato sia Salvini, al seggio provinciale di Milano nella sede di via Bellerio, sia il segretario uscente Roberto Maroni, nel seggio di Varese. Lo stesso dove poco prima si era recata anche Manuela Marrone, moglie di Umberto Bossi. Maroni, lasciando il seggio, ha confermato la sua soddisfazione «perché per la prima volta il segretario lo scelgono i militanti». «Noi vogliamo essere protagonisti della nuova fase politica», ha aggiunto il governatore della Lombardia, che vuole «continuare le nostre storiche battaglie ma con un nuovo gruppo dirigente».

Sant'Ambrogio Per Salvini, che ha ricordato la ricorrenza, oggi, di Sant'Ambrogio, patrono della città di Milano, è «bellissimo vedere la gente in fila ai seggi per votare in una giornata di festa a Milano, nonostante i gufi». Salvini aveva sottolinea cheche, se eletto, «la prima battaglia sarà: basta euro».

Ultimo aggiornamento: 9 Dicembre, 07:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma