G7, accordo sulla sicurezza ma il clima resta fuori dall'intesa

G7, accordo sulla sicurezza ma il clima resta fuori dall'intesa
di Marco Conti
2 Minuti di Lettura
Venerdì 26 Maggio 2017, 18:08

dal nostro inviato

TAORMINA Per il documento conclusivo del G7 occorrerà attendere domani, mentre il testo comune sulla sicurezza viene firmato e diffuso a metà pomeriggio con tanto di cerimonia delle firma mandata in diretta streaming. "È un forte messaggio di amicizia, vicinanza e solidarietà alla Gran Bretagna» dopo quello che è accaduto nei giorni scorsi a Manchester", ha sostenuto Paolo Gentiloni. " La dichiarazione ha senza dubito per primo un significato politico dopo quello che è accaduto a Manchester -  ha sostenuto il presidente del Consiglio italiano -  inoltre c'è un rafforzamento della cooperazione specie dal lato di ciò che circola per la rete". Dalla crisi siriana a quella libica, alla Corea del Nord, come sui grandi temi del commercio internazionale, per Gentiloni si sta trovando un'intesa. "Resta fuori il tema del clima sul quale Stati Uniti stanno facendo riflessione, mentre Europa ha ribadito assoluta determinazione ad andare avanti" nella convinzione che presto anche gli Usa si riuniranno al gruppo di coloro che firmarono la Cop21. "Soddisfazioni - ha aggiunto - perchè una discussione libera e aperta produce risultati positivi". 

Nel testo della dichiarazione sul terrorismo si legge che "pur sostenendo i diritti umani dei migranti e rifugiati, affermiamo i diritti sovrani degli Stati di controllare i loro confini e fissare chiari limiti ai livelli netti di immigrazione, come elementi chiave della loro sicurezza nazionale e del loro benessere economico". "La gestione e il controllo dei flussi di migranti richiede - pur tenendo conto della distinzione fra rifugiati ed emigrati economici - sia un approccio d'emergenza che uno di lungo termine». E per quest'ultimo i leader del G7 «sono d'accordo nello stabilire partnership per aiutare i Paesi a creare nei loro confini le condizioni che risolvano le cause della migrazione".







 

© RIPRODUZIONE RISERVATA