Grillo risponde ai dem: «I fascisti siete voi»

Mercoledì 12 Luglio 2017
14

«Fascista è chi mette la fiducia sul decreto banche e fascista è chi propone il restyling del reato di apologia di fascismo». Beppe Grillo reagisce via blog contro la proposta di legge targata Emanuele Fiano (Pd)  e la definisce un'impresa di distrazione di massa perché norme ad hoc ce ne sono già. La nota congiunta e imbarazzata del M5S non è bastata: è dovuto scendere in campo' Grillo a ribadire che «la legge che sanziona quelle poco edificanti trovate nostalgiche previste nei dettagli dall'articolo 4 della legge Scelba del 1952» c'è già.

«Per le crisi nostalgiche sono già previste pene e sanzioni - scrive - Ancora, dal 1993, esiste anche la legge Mancino, che sanziona e condanna gesti, azioni e slogan legati all'ideologia nazifascista, e aventi per scopo l'incitazione alla violenza e alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali. Vengono (o meglio dovrebbero essere) puniti anche l'utilizzo di simbologie legate a questi movimenti politici».

«L’unico modo per colpire delle opinioni in Italia è coinvolgere il fascismo" prosegue il leader del M5S e attacca il segretario dem Matteo Renzi "che insinua non agendo apertamente, che inizia ad esserci bisogno di fare delle leggi sul come la si pensa».

E infine l'accusa di assolutismo: «Una vera legge antifascista dovrebbe colpire tutti gli assolutismi tramite la prevenzione: ma colpirebbe proprio loro, perché continuando a mentire sistematicamente ad un popolo stanno ponendo le fondamenta del fascismo o di qualunque altra reazione assolutista».

Giorgia Meloni di FdI ad esempio propone una legge contro il fondamentalismo religioso di matrice islamica in linea con la contemporaneità.

Problema, quello dell'individuazione oggi delle dittature dietro l'angolo di domani che si pone anche Grillo sul blog: «Non sappiamo cosa vorrà dire domani essere fascisti» e poi sferra l'accusa più forte: «sappiamo cosa vuol dire oggi: il governo metterà la fiducia sul decreto banche per dare altri 17 miliardi di euro pubblici e salvare il culo dei banchieri mentre 10 milioni di italiani sono a rischio povertà e 250.000 emigrano ogni anno - e arriva il finale caustico - Ma questo non è fascismo, è solidarietà».

Ultimo aggiornamento: 13 Luglio, 07:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma