Grillo, "vaffa" a tutti a Nettuno e la piazza esulta

Mercoledì 7 Settembre 2016
A Nettuno torna il Beppe Grillo di lotta e di palco, con il "Vaffa" a tutti gli avversari del Movimento e la difesa della sindaca di Roma Virginia Raggi e del direttorio nazionale. E la base si galvanizza per il leader venuto sul lungomare a 50 chilometri dalla capitale. Boato all'annuncio del suo arrivo tra le centinaia di persone che gremiscono piazza Cesare Battisti davanti al municipio retto da un sindaco cinque stelle. Gli attivisti sono venuti anche da Cassino, nel Frusinate, Castelgandolfo ai Castelli Romani, Scafati vicino Salerno, «perché non crediamo a quel che scrive la stampa», dice Fabio, 55 anni e maglietta gialla del M5S.

«Siamo con Virginia», dicono tutti. Sotto una leggera pioggia tutti difendono la sindaca di Roma «perché governare quella città é una cosa diversa», nota Alfonso Iannello venuto dalla Campania. Se errori ci sono stati sono di «inesperienza», anzi da «inesperienti», neologismo dal palco del sindaco di Nettuno Angelo Casto, che si mette nel novero. «Virginia ha tutti contro, ci sono troppi interessi; Caltagirone, Roma, Ama, Atac, i rifiuti», elenca un altro attivista «della prima ora», Vincenzo Nuzzolo, 59 anni, dipendente pubblico. «Vogliono gettarle del fango addosso alla Raggi», assicura Elena.

Qualche malumore per gli stipendi troppo alti degli ormai ex assessore e capo gabinetto Marcello Minenna e Carla Raineri. Ma in piazza l'arrivo di Grillo con i dioscuri Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio - che si scusa per la gestione del caso Roma - sembra azzerare anche i pochi distinguo nelle granitiche certezze dei militanti M5S. «A volte facciamo delle cazzate anche noi», ammette il leader tornato frontman. Ed è un boato tra cori di "Beppe, Beppe!". E quando dice «fan... tutti!», sembra di essere tornati ai bei tempi pionieristici.

I cinque stelle non sono in piazza per un autodafé, per un'autocritica collettiva né tantomeno per contestare il direttorio. «Si può imparare dagli errori, chi é che non sbaglia?», dicono in diversi parlando della sindaca. Bugie? «Renzi mente tutti i giorni - dice un attivista - la facciano finita». E si pensa al futuro: un grande striscione chiede «Elezioni subito». Quelle nazionali, per un governo cinque stelle. Obiettivo Roma, il bersaglio grosso, per non pensare alla crisi del Campidoglio.

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Book crossing”, a Roma a volte non funziona

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma