Grillo a Nettuno torna a giocare la carta del Vaffa. Ma si raccomanda: sul palco baciatevi tutti

Giovedì 8 Settembre 2016 di Mario Ajello
6
Grillo a Nettuno
dal nostro inviato
NETTUNO Il bagno purificatore della piazza. Il tuffo dentro il popolo grillino, ritenuto magicamente capace di riportare concordia tra le fazioni 5Stelle e di coprire con il grido salvifico «onestà-onestà-onestà» i pasticci e le bugie del caso Muraro-Raggi-Di Maio. Anche se su Di Maio nella tempesta qualche dubbio serpeggia: «Ha sbagliato tutto, ma è un ragazzo...».

Mentre tra i colleghi del Direttorio, tutti insieme appassionatamente nell'esibizione della concordia sul palco di Nettuno dove il sindaco pentastellato ha un cognome in purezza perché si chiama Casto, qualche sussurro racconta che «questa storia potrebbe servire a dare una ridimensionata a Luigi». Il quale sta a lungo tra le braccia di Grillo, che lo coccola e lo protegge. E prima di andare on stage, Beppe dice ai suoi ragazzi: «Ora che salite sul palco state tutti insieme, abbracciatevi e baciatevi. Chiaro?».

La dissimulazione, arte suprema dei gesuiti, debutta su questo pianeta combat. E il tutti contro tutti di questi giorni convulsi, e per Roma drammatici, è l'immagine che deve sparire. A ciò serve questa «piazza, bella piazza, c'è una lepre pazza», come da celebre canzone di Claudio Lolli. Nella quale, Grillo ammette: «Qualche cazzatina ogni tanto la facciamo anche noi». Poi si lascia scappare una battuta un po' così su Di Maio, il quale dismessa la divisa da premier in pectore azzarda addirittura un jeans e una camicia normale senza grisaglia e cravattona: «Lo accuseranno anche di essere omosessuale». E anche questa, di Beppe sulla Raggi, non è sopraffina: «Virginia oggi è nella stessa condizione del primo sindaco negro del Mississippi nel 68...».

«Virginia, Virginia», intona la folla. È il turno di Di Maio, ovvero della contrizione: «Ho commesso un errore e ora, guardandovi negli occhi, ve lo dico». Poi comincia a dire che è tutto un complotto: «Dov'erano i giornalisti quando Mafia Capitale si stava mangiando Roma?». E via così, alla riconquista del passato di un'illusione, quella della possibile premiership. «Abbasso Renzi», tuona la piazza. Che Grillo cerca di divertire, tra un vaffa e un balletto: «Su, non vi abbattete...». Sui social, però, il Movimento è diventato gergalmente, dopo le gesta di Di Maio e compagnia, «mo-vi-mento»: ossia, ora vi racconto fandonie.

Contro il rischio del disfattismo che potrebbe affacciarsi tra gli elettori, il Dibba inteso come Di Battista l'esagitato motorizzato che volteggia tra discorsi sulla massoneria e altre piacevolezze è il Marat, l'ami du peuple che deve rassicurare le masse che i puri sono rimasti puri e tutto il resto è «complotto-complotto-complotto!». Il Dibba senza freni, mentre abbraccia sul palco Giggino, si sta prendendo il ruolo di candidato premier che Di Maio pensava di avere già in tasca? L'uno se la gode questa piazza, l'altro ha nello sguardo la concentrazione triste e insieme l'horror vacui di chi sa che gli tocca partire quasi da zero nella ricostruzione della credibilità perduta.

IL RI-PASSO AVANTI
L'affaire Di Maio e tutto il resto, insomma, hanno fatto fare un clamoroso passo indietro al passo di lato rispetto al movimento che Beppe sogna ormai da tempo ma le condizioni - ossia la crescita di una classe dirigente spendibile - clamorosamente non sembrano esserci. E abbonda invece, in Di Maio, un misto di vittimismo e di dietrologia così espresso nel backstage: «Mi sono sovraesposto, forse, e queste cose si pagano». Roberto Fico dal palco fa filosofia: «Il mondo è meta-realtà e noi siamo il nuovo umanesimo». «Abbiamo pure un sociologo», lo sbeffeggia affettuosamente Grillo. Lo show comunque è molto applaudito - unica critica dei presenti è quando il comico va via a bordo di una macchinona bianca a luci spente nel lungomare: «A Beppeeeeee, accendi i fariiii....» - e Grillo abilmente coccola la sua platea in un momento particolarmente difficile e a rischio disgregazione: «Questa è la piazza della giustizia e del perdono, la città di Santa Maria Goretti».

Ma Di Maio continua a soffrire. È come spaesato in questa condizione nuova di uno costretto a ridimensionare se stesso, senza darlo a vedere. È più caloroso del solito con il pubblico. Cerca l'affetto. Mentre il Dibba che delizia tutti tra cosche e piovre, e viene pure a piovere come al festival di Woodstock dove al posto di Ale c'erano Jimi Hendrix e Carlos Santana, fa il pienone dei consensi. Specie quando comincia a leggere nella notte di Nettuno il risorgimentale Marzo 1821 di Alessandro (Ale) Manzoni aggiungendo che «questa è la piazza del riscatto», e da un balcone di un palazzo di fronte al palco comincia a sventolare una bandiera tricolore che commuove Grillo e tutti quanti. Lo stesso Grillo che, ormai è passata più di un'ora, continua ad abbracciare platealmente Di Maio. Lo sta stritolando? Ultimo aggiornamento: 13:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma