Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Erika Stefani, al giuramento gli occhi rivolti su Miss Senato

Erika Stefani, al giuramento gli occhi rivolti su Miss Senato
di Mario Ajello
1 Minuto di Lettura
Venerdì 1 Giugno 2018, 15:03 - Ultimo aggiornamento: 15:23
Un premio ufficiale non c'è. Un vero e proprio concorso, in Senato, per indicare la più bella del Palazzo non è stato ancora istituito. Ma nel tam tam, nelle chiacchiere, negli sguardi degli onorevoli in aula durante la legislatura appena conclusa, è stata decretata la neo ministra leghista Erika Stefani come Miss Senato. 

Oggi al giuramento sul Colle tutto gli occhi saranno rivolti a lei. Ai suoi riccioli, ai suoi occhi molto belli, al suo portamento elegante, diverso in tutto dal cliché leghista un po' ruspante. Alla Camera era difficile eleggere Miss Montecitorio, perché di bellezze ce n’erano a bizzeffe nella scorsa legislatura, al Senato invece Erika non ha avuto rivali. Ora però più che la bellezza conterà la capacità, che alla Stefani non difetta, di trattare da ministro degli Affari Regionali questioni importantissime e controverse come l'autonomismo che potrebbe cambiare la faccia - in meglio? in peggio? - dell'Italia.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA