Enti locali, decreto approvato in via definitiva
Sanità, 180 prestazioni a rischio su 1.700

Enti locali, decreto approvato in via definitiva Sanità, 180 prestazioni a rischio su 1.700
2 Minuti di Lettura
Martedì 4 Agosto 2015, 20:26

L'aula della Camera ha approvato in via definitiva il dl enti locali con 295 sì, 129 no, nessun astenuto. Il provvedimento è legge. Nel provvedimento figurano anche alcune delle misure varate con il Dl Ilva-Fincantieri.

SANITA'

«Sono 180, come indicato oggi dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin, le prestazioni sanitarie a maggiore rischio di inappropriatezza su oltre 1700 previste dal nomenclatore: tra queste, prestazioni di genetica, odontoiatria, allergologia, tac, risonanza magnetica agli arti e risonanza magnetica della colonna con mezzo di contrasto». Lo afferma il segretario della Fp-Cgil Medici, Massimo Cozza, al termine dell'incontro convocato da Lorenzin con i sindacati in merito alle misure sulla Sanità nel Dl Enti Locali.

Il ministro, ha chiarito Cozza, «nell'incontro da poco concluso ci ha illustrato le principali prestazioni sanitarie a rischio di inappropriatezza, che saranno indicate in un prossimo decreto in via di preparazione». Si tratta di un numero di prestazioni, per le quali si prevede dunque una 'strettà, «limitato, essendo appunto tipi di esami a maggiore rischio di un uso non corretto: sono 180 prestazioni su oltre 1700 previste dal nomenclatore». «Molto bene aggredire l'inappropriatezza, e dunque lo spreco di denaro a causa di esami diagnostici o strumentali eseguiti senza una effettiva utilità, ma ribadiamo la nostra contrarietà - ha commentato il leader sindacale - al fatto che a pagare debbano essere i cittadini, che possono essere penalizzati, ed i medici, 'sotto la scurè delle sanzioni in caso di prescrizioni ritenute appunto inappropriate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA