Il discorso “muscolare” del premier Conte

Martedì 5 Giugno 2018 di Mario Ajello
1
Chi si aspettava un discorso da pattinaggio, lieve e non contundente, aveva sbagliato le previsioni. Muscolosissimo il discorso per la fiducia pronunciato da Giuseppe Conte in Senato. "Lo hanno caricato a pallettoni quelli della  comunicazione M5S", dicono uscendo dall'aula i democrat e i berlusconiani, colpiti dalla durezza del "cambiamo tutto" più volte ribadita dal premier. Che si mostra per niente professorale, non tecnico, e super-politico. Salvini: "Meglio di così non poteva andare". Il primo a complimentarsi con Conte in aula è stato proprio Salvini. Rivendica Conte: "Siamo populisti e anti-sistema".

Pronuncia trenta volte la parola "cambiamento" e altrettante il termine "cittadini". Discorso rivolto più fuori che dentro al palazzo. Tra il no al razzismo e il sì al pugno di ferro contro l'immigrazione clandestina, tra l'enunciazione di misure rigorose sulla giustizia ("Ridurre la prescrizione perché spesso e espediente per evitare il giusto processo") e lotta spietata alla mafia (l'aula comincia a intonare lo slogan dai banchi grillo-leghisti: "Fuori la mafia dallo Stato"), tra reddito di cittadinanza e "ascolto dei cittadini", "interessi dei cittadini" (da tutelare e rilanciare  con "determinazione assoluta"), "rispetto dei bisogni dei cittadini", "rilanciare i diritti dei cittadini che in questi anni sono stati vilipesi" (per esempio nel campo del lavoro), il professor Conte con Di Maio e Salvini che lo circondano e lo coccolano si propone come premier populista e sperabilmente, per lui, popolare. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Le case sequestrate ai Casamonica, tra fiction e realtà

Colloquio di Alvaro Moretti e Ernesto Menicucci