Conte, il papà della piccola Sofia: da lui sostegno per solidarietà, non a favore di Stamina

Martedì 22 Maggio 2018
1
«Giuseppe Conte non chiese alcun compenso professionale, fece tutto pro bono per aiutare la nostra famiglia. E la sua vicinanza alla nostra causa fu di natura solidaristica: si vuole far coincidere il suo rapporto con la nostra famiglia ad un appoggio a Stamina, ma è tutto un grande fraintendimento». A parlare è Guido De Barros, papà della piccola Sofia, venuta a mancare a dicembre dopo una lunga battaglia contro una malattia rara, che passò anche per i tentativi di cura con il metodo Stamina. Giuseppe Conte, candidato premier da M5S e Lega, aiutò la famiglia De Barros come avvocato. Una vicenda che ha fatto scoppiare un caso, visto che il metodo è stato dichiarato bocciato senza appello dalla comunità scientifica.

LEGGI ANCHE Conte difensore del metodo Stamina, esplode il caso

«Il professor Conte - ha aggiunto De Barros parlando all'agenzia Adnkronos Salute - lo avevamo conosciuto all'indomani del ricorso al tribunale di Firenze, che non andò bene, attraverso amicizie comuni. Il suo intento è stato quello di fare in modo che Sofia riuscisse a ottenere quello che le era stato negato: ricordo che mia figlia, che è venuta a mancare a dicembre, era affetta da una malattia senza speranza di cura». De Barros precisa anche che Conte «non è fra i firmatari del comitato Voa Voa», che comunque «ha come intento quello di aiutare famiglie come la nostra e in nessuna parte sostiene il metodo Stamina».

«Uno dei cardini su cui Conte imperniò la sua difesa - prosegue il papà di Sofia - fu proprio l'assenza di cure
alternative. Ma non ci sono argomenti utili ad affermare che lui supportava Stamina: la sua fu solidarietà verso la causa di una bambina con una patologia rara che non aveva soluzioni alternative. Il suo coinvolgimento con noi come famiglia è stata l'unica sua vera leva, non la volontà di partecipare a una crociata a favore di Stamina».

«Anche il comitato Voa Voa - conclude - ha messo nero su bianco la natura del nostro sforzo, e comunque Giuseppe Conte non è fra i suoi componenti. Personalmente penso si stia mettendo in atto una strumentalizzazione a regola d'arte e con Giuseppe ci siamo anche sentiti per inorridire insieme di questo». Ultimo aggiornamento: 15:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Chi era Trilussa?”: cosa rispondono i ragazzi di Trastevere

di Veronica Cursi