Misure antiterrorismo, ok del Cdm: è reato combattere all'estero, stretta sul web e 4.800 militari sulle strade

Martedì 10 Febbraio 2015
18

ROMA - Il decreto antiterrorismo è stato approvato dal Consiglio dei ministri.

Nel decreto antiterrorismo approvato oggi c'è anche una stretta sul web: sarà stilata una black list dei siti che inneggiano al terrorismo e ci sarà il potere di oscuramento dei siti.

ALFANO «Nella sostanza andare a combattere all'estero è diventato reato. Prima era reato solo il reclutare, da stasera è reato andare a combattere all'estero». Così il ministro dell'Interno Angelino Alfano illustrando il decreto antiterrorismo approvato in cdm.

STRADE SICURE «Abbiamo rafforzato e potenziato l'operazione Strade Sicure, abbiamo trovato le risorse e da 3mila militari passiamo a 4800 militari a presidio delle nostre città con 1800 militari per il presidio dei siti sensibili». Così il ministro dell'Interno Angelino Alfano illustrando il decreto antiterrorismo approvato in cdm.

ESPULSI 15 SOSPETTATI Sono 15 le persone espulse dall' Italia in quanto sospettati di terrorismo. Lo ha detto il ministro dell'Interno Angelino Alfano, aggiornando la lista delle espulsioni.

POTERI DEI PREFETTI Con il decreto «abbiamo affermato il principio che si può seguire nei confronti dei sospettati di terrorismo lo stesso sistema di regole che si usano per i sospettati per mafia». Lo ha detto dopo il Cdm il ministro Alfano, aggiungendo che «sono stati inoltre rafforzati i poteri di espulsione dei prefetti nei confronti di stranieri» sospetti e quelli per il «ritiro del passaporto e di documenti validi per espatrio».

Ultimo aggiornamento: 12 Febbraio, 20:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA