Ballottaggi, Calenda: andare oltre Pd. Cresce il fronte «congresso subito»

Ballottaggi, Calenda: andare oltre i dem. Martina frena: cambiare persone e idee
Il Pd analizza la sconfitta e tra i dem cresce il fronte del «congresso subito». Anche il centrodestra, tramite Berlusconi, sottolinea la necessità di un rinnovamento mentre M5S tira un sospiro di sollievo perché nonostante l'exploit della Lega l'annunciata Caporetto non c'è stata. I risultati dei ballottaggi danno materia di riflessione a tutte le forze politiche. Il quadro è chiaro: solo cinque comuni al Pd (Brescia, Trapani, Brindisi, Ancona e Teramo) e la caduta delle roccaforti rosse, 11 al centrodestra (Sondrio, Massa, Pisa, Siena, Viterbo, Ragusa, Catania, Berletta, Terni, Treviso e Vicenza), Avellino ai Cinque stelle; tre a sindaci indipendenti da partiti e movimenti «tradizionali» e sostenuti da liste civiche: Imperia Messina e Siracusa.

LEGGI ANCHE: Amministrative, cadono le roccaforti Pd. La lega trascina ancora il centrodestra
LEGGI ANCHE: Imola, storico ko del Pd: la città romagnola sarà guidata da Manuela Sangiorgi del M5S

Il Pd si interroga sul flop. Non si può rinviare ancora: l'assemblea di luglio deve convocare subito il congresso del Pd. È la linea che emerge in ambienti di Area Dem, l'area Pd che fa capo a Dario Franceschini e Piero Fassino. Nel partito nelle scorse settimane si era fatta largo l'idea, sostenuta anche dai renziani, di rinviare il congresso al prossimo anno, magari dopo le europee. Ma la sconfitta ai ballottaggi rimescola le carte e fa crescere il fronte, che include anche la minoranza, di chi ritiene che non si possa rinviare oltre. L'emorragia per il centrosinistra è drammatica. Si partiva, prima del voto, con 14 Comuni guidati dal Pd. «Navigazione a vista sta portando il centrosinistra all'irrilevanza proprio quando l'Italia ne avrebbe più bisogno», scrive su Twitter l'ex ministro Carlo Calenda, che invita a «ripensare tutto: linguaggio, idee, persone, organizzazione. Allargare e coinvolgere su una nuovo manifesto. Andare oltre Pd. Subito!», l'invito di Calenda che rilancia la proposta di un 'Fronte repubblicano'.

 
Il segretario Pd Maurizio Martina risponde e frena, parlando a Circo Massimo: «Sono d'accordo sul ripensamento complessivo, abbiamo tanto da cambiare nei linguaggi e nelle idee ma non sono d'accordo sul superamento del Pd. Credo nella ricostruzione di un campo progressista, democratico di centrosinistra con un Partito democratico rinnovato al centro». Sergio Chiamparino: «Il Pd deve trovare un'identità politico-programmatica, condizione per ripensare al sistema delle alleanze».

«Dopo le allarmanti difficoltà che abbiamo attraversato e confermate da un grande numero di ballottaggi persi nelle città italiane, non bastano semplici aggiustamenti. Tantomeno bastano povere analisi di circostanza. Un ciclo storico si è chiuso», scrive su Facebook il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. «Vanno ridefiniti un pensiero strategico, la nostra collocazione politica, le forme del partito e il suo rapporto con gli umori più profondi della società italiana, l'organizzazione della partecipazione e della rappresentanza nella democrazia. In questi anni non ci sono sfuggiti i dettagli ma il quadro di insieme. C'è un lavoro collettivo da realizzare. Deve partire subito e coinvolgere non solo il Pd. È il momento del coraggio - conclude Zingaretti - della verità e della responsabilità».

 
Lunedì 25 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 26-06-2018 00:39

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2018-06-25 21:08:04
Questo voto ( che premia la Lega) dimostra l assoluta ignoranza e stupiditĂ  dell'elettore italiano medio.
2018-06-25 20:43:58
Dopo aver tradito e venduto Italia per una manciata di Euro dovrebbero sparire per sempre
2018-06-25 20:39:18
hanno preso l'ennesima tramvata e l'ideona che gli viene in mente quale è? il Fronte Repubblicano!!!!!!! Cioè l'ennesima ammucchiata.....e' inutile, non ci arrivano proprio......invece di andare a rendersi conto dei pronto soccorso affollati, delle scuole che cadono a pezzi, dei comuni che non ricevono soldi per poter asfaltare le strade, della riforma farlocca delle Provincie (cui hanno tolto i soldi lasciandogli però le competenze), del dumping salariale fatto dagli immigrati, dal lavoro nero, dalle FFOO perculeggiate da qualsiasi brutto ceffo anche di bassa lega, noooooo loro pensano al Fronte Repubblicano. Faranno la fine del dodo
2018-06-25 20:32:05
andare oltre il PD, si, cambiategli di nuovo il nome ma cambiate anche le persone e le idee, altrimenti non serve
2018-06-25 19:34:48
Il problema del pd è quello di essere uscito (e non per sfortuna ma per scelta) dal linguaggio della gente, che sarà brutto ignorante e razzista, forse, ma è quello della gente comune e fare politica significa parlare e confrontarsi con loro e non parlarsi addosso.
18
  • 15
QUICKMAP