Aquarius, il presidente francese chiama Conte: rientrata la crisi Italia-Francia. Premier conferma il viaggio a Parigi

di Marco Conti
Sembra essere rientrata la crisi Italia-Francia dopo la lunga e cordiale telefonata, nella notte, tra il presidente francese Emmanuel Macron e il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte. Lo si apprende in ambienti di governo. A chiamare è stato il presidente francese.

Viaggio confermato. Durante la telefonata il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron hanno potuto discutere la situazione della nave Aquarius e avere uno scambio di vedute. Lo rende noto Palazzo Chigi, riferendo che Macron ha sottolineato di non aver pronunciato alcuna espressione volta ad offendere l'Italia e il popolo italiano. Macron e Conte hanno confermato l'impegno della Francia e dell'Italia a prestare i soccorsi nel quadro delle regole di protezione umanitaria delle persone in pericolo. Il Presidente della Repubblica francese ha ricordato di aver sempre difeso la necessità di una solidarietà europea accresciuta nei confronti dell'Italia. L'Italia e la Francia devono approfondire la loro cooperazione bilaterale ed europea per una politica migratoria efficace con i paesi di origine e di transito attraverso una migliore gestione europea delle frontiere e un meccanismo di solidarietà nella presa in carico dei rifugiati. Macron e Conte hanno convenuto che, in vista del Consiglio Europeo di fine giugno, sono necessarie delle nuove iniziative da discutere insieme. Per evocare questi temi e i numerosi dossier di comune interesse, il Presidente della Repubblica e il primo ministro Conte si incontreranno a Parigi domani per un pranzo di lavoro seguito da una conferenza stampa.

Il presidente francese, Emmanuel Macron, nel corso del colloquio con il premier Giuseppe Conte, ha detto di «aver sempre difeso la necessità di una maggiore solidarietà europea con il popolo italiano», si legge in una nota dell'Eliseo. «L'Italia e la Francia - prosegue la nota - devono approfondire la loro cooperazione bilaterale ed europea per condurre una politica migratoria efficace con i Paesi d'origine e di transito, attraverso una migliore gestione europea delle frontiere e attraverso un meccanismo europeo di solidarietà e di assistenza dei rifugiati».


Luigi Di Maio. «La notte ha portato consiglio». Questo il commento del vicepremier Luigi Di Maio, intervisato da Rtl dopo aver appreso che il presidente francese Emmanuel Macron ha telefonato nella notte al premier italiano Giuseppe Conte. «Possiamo dire che è un primo segnale di disgelo». 

 
Mercoledì 13 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 14-06-2018 20:38

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 139 commenti presenti
2018-06-15 11:57:58
Il 5 giugno era saltata l'intesa UE sulla riforma del regolamento di Dublino e l'Italia, votando NO, si era trovata a fianco di paesi che osteggiavano i ricollocamenti come l'Austria, l'Ungheria, la Polonia, la Slovacchia, la Repubblica Ceca. Se Conte, Salvini e Di Maio si fossero dati la pena di leggere per bene le modifiche proposte al regolamento, si sarebbero resi conto che esse avrebbero semmai avvantaggiato i paesi come l'Italia che si sono fatti maggiormente carico dei flussi migratori. Ricordo solamente che tra le modifiche proposte vi era l'abbandono del criterio dello Stato di primo ingresso e la suddivisione dei richiedenti asilo fra tutti i paesi membri in base a un sistema permanente di quote. Sarebbe stata una applicazione del principio di solidarietà ed equa ripartizione della responsabilità tra gli Stati membri, anche, e non solo, sul piano finanziario.
2018-06-14 21:40:39
ginestra2...18.04.....Piccolapeste.. 18.17.......L`Europa a messo a dsispozione del`Italia per sostenimento e come primo aiuto al migranti un primo appoggio di 850.mlioni di Euro, che ha fatto poi seguito un secondo appoggio di altrii 600 milioni. di Euro. per non parlare poi delle molte agevolazuioni finanziarie che l`Italia ha dall`Europa ricevuto come cambio per le spese migranti..Certamente bisogna vedere il tutto nel giro di questi ultimi 5 anni.. Io ho parlato di circa il 60% il rimanente l 40% `é stato sostenuto dal nostro paese..
2018-06-14 19:32:04
Macron ordina e il governo 'sovranista' accorre a Parigi, e con la lingua fino a terra. Le scuse? Mai sentite, Conte fa la figura dello zimbello. In Europa e nel mondo si sganasciano dalle risate, e la nave Acquarius approderà in Sardegna a breve. A me, francamente, pare roba da matti.
2018-06-14 18:59:05
Ma, prevedo la solita chiacchierata inconcludente. Solite frasi di circostanza giá sentite in passato. Non vorrei che conte giuseppe si faccia fregare dai francesi.
2018-06-14 18:27:40
a proposito,,,sarà stata una richiesta di soros alla stampa italiana di tenere sottotono i mondiali di russia ?
139
  • 8,6 mila
QUICKMAP