Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Alfano: vita del governo dipende da noi, dopo congresso Pd patto per 2014

Alfano: vita del governo dipende da noi, dopo congresso Pd patto per 2014
2 Minuti di Lettura
Giovedì 28 Novembre 2013, 14:15 - Ultimo aggiornamento: 29 Novembre, 18:46

Abbiamo parlamentari sufficienti per tenere in vita il governo, ma anche viceversa. E' l'avvertimento lanciato oggi dal vicepremier Angelino Alfano in conferenza stampa al Senato il giorno dopo il via libera alla legge di stabilità e alla decadenza di Silvio Berlusconi, che ha sancito l'uscita di Forza Italia dalla maggioranza.

«Vedremo chi sarà il segretario e se come primo gesto vorrà far cadere il governo presieduto da un esponente democratico - aggiunge poi il vicepremier rispondendo a chi gli chiede di commentare le mosse del candidato alla guida del Pd Matteo Renzi -. Spero la vicenda del partito democratico non ricada sull'Italia e che il conto non lo paghino gli italiani».

«Subito dopo il congresso del Pd, su cui non vogliamo interferire, e subito dopo l'approvazione definitiva della legge di stabilità vogliamo fare un patto, un contratto di programma per l'Italia del 2014», ribadisce quindi il vice premier.

«Fino a due ore fa mi risulta che nessuno dei vice ministri e sottosegretari, ma neanche nessuno dei presidenti di commissione ha rassegnato le dimissioni dal suo incarico» dopo l'uscita di Forza Italia dalla maggioranza, rileva poi Alfano.

«Noi andremo con la nostra sigla e il nostro simbolo che presenteremo il 7 dicembre, alle prossime elezioni Europee», annuncia inoltre il vice di Enrico Letta.