Ventenne perde 120 chili in un anno: «Avevo paura di morire soffocata nel sonno»

Ana Sirbu
di Federica Macagnone
3 Minuti di Lettura
Giovedì 27 Novembre 2014, 20:13 - Ultimo aggiornamento: 28 Novembre, 20:30

Ogni sera, prima di chiudere gli occhi, si chiedeva se quella sarebbe stata la notte in cui avrebbe smesso di respirare. Ana Sirbu, 28 anni, pizzaiola di York, è arrivata a pesare 203 chili prima che la paura di morire le desse la spinta per cambiare vita e perdere 120 chili in un anno.

Gli ultimi tempi per lei erano diventati un vero inferno: sempre stanca, sempre con l'affanno e senza avere la forza di camminare nemmeno per pochi metri.

Tutto è iniziato quando si è trasferita in Inghilterra dalla Romania e ha iniziato a lavorare in un take-away con estenuanti turni notturni. «Lavoravo 12 ore dalla sera alla mattina e ho iniziato a mangiare le cose sbagliate nei momenti sbagliati - ha raccontato Ana – Iniziavo con le patatine a mezzanotte e alle 5 mi ritrovavo a mangiare pizza. Ho iniziato a prendere peso in maniera spaventosa». L'inizio di un incubo che l'ha portata a pesare oltre 200 chili provocandole difficoltà motorie e respiratorie.

Non più in grado di uscire di casa, Ana ha cominciato a soffrire per la sua condizione. Tuttavia il momento della svolta doveva ancora arrivare: è stata la paura di smettere di respirare mentre dormiva che le ha dato la carica per cambiare la sua vita. «Costringevo il mio fidanzato a controllare se respiravo durante la notte – ha detto Ana – Era insostenibile. Vivevo sempre con la paura».

Poco prima era arrivata la delusione per aver dovuto abbandonare un posto di lavoro per il quale era qualificata. «Il mio peso ha influenzato la mia esistenza – ha raccontato la donna – Ho dovuto lasciare il lavoro che sognavo a causa della mia stazza. Il manager mi disse che non poteva avere persone delle mie dimensioni nella sua cucina e ho dovuto mollare». Il momento della svolta è arrivato proprio in quel momento: schiacciata tra la paura per la sua salute da una parte e una vita d'inferno dall'altra, Ana, ormai depressa ed esausta, ha deciso di chiudere un capitolo della sua vita e aprirne un altro. Determinata a perdere peso senza l'ausilio della chirurgia, poco più di un anno fa ha iniziato il programma alimentare LighterLife che le ha fatto perdere 120 chili facendola diventare una donna nuova.

Un vero choc per parenti e amici in Romania che, appena l'hanno vista, non l'hanno riconosciuta. «Avevo promesso a mio padre che sarei diventata una persona diversa e non l'ho deluso – ha raccontato Ana – Quando mi ha visto ha iniziato a piangere chiedendomi se ero ancora sua figlia».

«Mi sentivo intrappolata nel mio corpo – ha concluso la donna – non potevo essere me stessa. Adesso ballo, faccio jogging e vado in bicicletta». Una vita nuova per la quale ha lottato con le unghie e con i denti. I chili di troppo ormai appartengono al passato.