Venezuela, l'esodo degli italiani: ritorno in patria o fuga in Spagna e negli Usa

Venerdì 11 Agosto 2017
3
Italiani in fuga dal Venezuela. «La situazione non è per niente facile, soprattutto perchè non sappiamo in che direzione sta andando il Paese». Viviamo nella paura costante, «in una sorta di coprifuoco, per cui alle 8 e mezza di sera le città sono vuote e morte», e «ora una nuova circolare prevede controlli sui telefoni cellulari dei cittadini, per cui se abbiamo foto o messaggi ritenuti anti-Maduro rischiamo la galera». A parlare all'Adnkronos è Carlo Villino, presidente del Centro Italiano-Venezuelano di Caracas, che dei connazionali dice: «Stiamo assistendo a un esodo, molti stanno andando via, negli Usa, in Spagna o in Italia, e tantissimi pensano di farlo».

«Sono sempre più numerosi gli italiani che vogliono andare via dal paese e tanti quello che lo stanno facendo. Lasciano tutto, chiudono tutto e fuggono dal paese perché non sanno cosa li aspetta e giustamente hanno paura. Da due mesi a questa parte, da quando si sono chiuse le scuole - riferisce - è cominciato un esodo importante, soprattutto da parte dei giovani, che vanno fuori e rimangono lì a studiare o a vivere. Moltissimi vanno in Spagna, sia per la lingua, sia perché, con il presidente Chavez, furono siglati degli accordi che riconoscono ed equiparano gli studi, mentre chi ha investito negli Usa va lì, e qualcun altro torna in Italia».  Ultimo aggiornamento: 21:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma