Valeria Solesin, "cervello in fuga" che aveva scommesso su Parigi

Valeria Solesin, "cervello in fuga" che aveva scommesso su Parigi
di Michele Fullin
2 Minuti di Lettura
Sabato 21 Novembre 2015, 13:05 - Ultimo aggiornamento: 15 Novembre, 13:32

Valeria Solesin è un’"italiana di frontiera". Una dei tanti cervelli in fuga dall'Italia: aveva scommesso sulla Francia.

Con un papà direttore scolastico, Valeria si è diplomata con ottimi voti al Liceo scientifico "Benedetti" di Venezia nel 2006 e successivamente si è laureata in Sociologia all’Università di Trento dove ha conosciuto il fidanzato Andrea.

Da 4 anni lavorava come apprezzata ricercatrice e dottoranda all’Istituto di Demografia dell'Università Paris 1, la Sorbona. La sua specializzazione all’Istituto di Demografia riguarda i temi legati alla famiglia e ai bambini, oltre alla comparazione sociologica tra il sistema francese e quello italiano.

Davanti la porta di casa ieri si è formato un capannello di giornalisti che attendevano notizie. La città, intanto, si è stretta idealmente a papà Alberto, mamma Luciana e al fratello Dario, accendendo una candela in campo Manin assieme ai rappresentanti dell’amministrazione comunale, dei sindacati, della società civile e di alcuni residenti di nazionalità francese.

Il sindaco Luigi Brugnaro ha espresso solidarietà via Twitter e ha dato ordine di illuminare la facciata di Ca’ Farsetti, il palazzo municipale, con i colori del drapeaufrancese: rosso, bianco e blu.