Usa, uccide la moglie e confessa l'omicidio a un prete: il sacerdote viola il segreto e lo fa arrestare

di Federica Macagnone
A 44 anni John P. Grazioli ha perso completamente la testa, schiacciato dalle tensioni che lo attanagliavano: da un lato la battaglia legale con l'ex moglie Erica per la custodia dei loro due figli, dall'altro la nuova vita intrapresa con la giovane donna che aveva sposato appena sei mesi fa, nel settembre scorso. Tensioni che sono sfociate in tragedia giovedì scorso, quando ha preso una pistola e in camera da letto ha ucciso con un proiettile alla nuca la sua nuova sposa, la 31enne Amanda Grazioli. Totalmente sconvolto e in preda alla disperazione, poche ore dopo è uscito da casa e alle 15 si è presentato in chiesa, alla St. Peter Cathedral di Erie, in Pennsylvania, dove ha confessato il suo delitto al reverendo Michael Polinek, anticipandogli che subito dopo sarebbe tornato a casa per suicidarsi con la pistola che aveva ancora con sé, nella tasca del cappotto. 
 
 

Non sapeva, in quel momento, che il prete non avrebbe mantenuto il segreto: come ha spiegato in seguito il religioso, tecnicamente quella di John non era stata una confessione sacramentale, e questo gli consentiva di avvisare la polizia. Con molta calma Polinek ha convinto l'assassino a togliersi il cappotto con dentro la pistola, ha telefonato alle forze dell'ordine ed è tornato a parlare con John. Quando gli agenti sono arrivati in chiesa hanno trovato l'uomo in lacrime ed emotivamente scosso: l'arresto è stato effettuato in tutta tranquillità, senza che lui si ribellasse. Poi sono andati in casa sua, dove in camera da letto, accanto al cadavere della donna, hanno trovato una confessione scritta a mano in cui John preannunciava il proprio suicidio. 

In seguito è emerso che l'uomo aveva telefonato anche all'ex moglie per dirle cosa aveva fatto e che lei aveva chiamato la polizia poco prima che lo facesse il prete. I due ex coniugi avrebbero dovuto rivedersi in tribunale il 19 marzo per un'udienza relativa alla custodia dei bambini: in quell'occasione avrebbe dovuto testimoniare anche Amanda, che era stata citata in giudizio. John, direttore finanziario e amministratore delegato della Grazioli Asset Management, è ora incriminato per omicidio ed è detenuto nella prigione della contea di Erie senza cauzione.
Mercoledì 14 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 15-03-2018 14:51

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-03-15 12:26:50
io non ho capito perché il tizio ha ucciso la seconda moglie?
2018-03-14 19:46:57
che razza di religione è quella che consente ad un UOMO (prete o meno non conta) di lasciare che un assassino confesso giri indisturbato?
2018-03-15 16:02:08
bene , 7 polliciatori sono a favore del segreto del confessionale, anche per gli assassini. Bravi.
2018-03-14 18:39:58
Bravo Padre.....certi "peccati", vanno oltre la santita' del confessionale.
2018-03-14 18:07:06
di preti, avvocati e medici meglio non fidarsi mai!
QUICKMAP