Usa, risponde a un annuncio su Facebook per un cane: ucciso davanti agli occhi dei suoi bimbi

Martedì 13 Giugno 2017 di Federica Macagnone
8
Voleva fare un regalo ai suoi bambini. Così, quando ha visto quell'annuncio su Facebook, gli è sembrato che fosse capitato a pennello: un post in cui si segnalava la disponibilità a regalare un cagnolino a chiunque avesse avuto voglia di prendersene cura. Ma Christopher Scott Bowman, 39 anni, non sapeva che mercoledì sera alla porta della sua casa di Jacksonville, in Florida, si sarebbe presentato il suo assassino che lo ha freddato con un colpo di pistola al petto davanti ai suoi bambini.

Secondo quanto ha raccontato agli investigatori Chelsea Bowman, compagna della vittima, dopo aver visto quell'annuncio Christopher aveva deciso di rispondere per regalare il cucciolo ai figli. Tuttavia, quando hanno contattato la persona che voleva regalarlo, questi ha insisto per portarlo direttamente a casa loro. Mercoledì sera la coppia era a casa con i bambini quando l'uomo ha bussato alla porta. «Lo abbiamo invitato a entrare e gli abbiamo offerto un drink per ringraziarlo - ha raccontato Chelsea - Dopo un po', però, ci siamo accorti che non aveva intenzione di andarsene. Gli abbiamo fatto capire che era tardi e che i nostri figli dovevano andare a letto, ma lui rimaneva seduto. Poi Christopher è andato in bagno e quando è tornato quell'uomo si è alzato, ha iniziato a picchiarlo e ha tirato fuori una pistola. I miei figli hanno assistito alla scena e ho chiesto loro di mettersi al riparo, mentre mio marito combatteva per divincolarsi dalla presa. È riuscito a rigirare l'arma e gli ha sparato a un braccio, ma questo non è bastato a fermare quell'uomo: ha inseguito Christopher e gli ha sparato al petto davanti agli occhi dei nostri figli. Li ho mandati a chiedere aiuto, mentre io cercavo di tenere sveglio Christopher».

I piccoli sono scappati e si sono diretti a casa della vicina. «Erano terrorizzati e piangevano - ha raccontato Julie Wood - Continuavano a ripetere. “Nostro padre, aiuto, c'è sangue ovunque"».

Quando i soccorsi sono giunti sul posto, per Christopher non c'era più nulla da fare. Il killer è stato catturato dagli agenti ed è stato arrestato. Chelsea e i suoi bambini sono ancora sotto choc: non riusciranno mai a dimenticare quegli attimi di follia omicida. Ultimo aggiornamento: 16 Giugno, 08:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma