Usa, bimba di 4 anni torturata e uccisa a Capodanno: la polizia a caccia della madre e del fidanzato

Martedì 9 Gennaio 2018 di Federica Macagnone
1
È una caccia all'uomo senza quartiere quella scatenata dalla polizia americana per mettere le mani sugli assassini di Gabrielle Barrett, una bimba di 4 anni trovata morta a Capodanno nella sua casa di Sumpter Township, nel Michigan, con lividi, ferite e ustioni nella maggior parte del corpo. Tutti segni inequivocabili del calvario che le hanno inflitto per un lungo periodo le due persone che avrebbero dovuto darle amore e protezione e che invece si sono accanite come belve su di lei: la madre 24enne Candice Renea Diaz e il suo fidanzato di 28 anni, Brad Edward Fields. Tutti e due, dopo essersi rivelati diabolici aguzzini, sono ora in fuga come vigliacchi impauriti, presumibilmente a bordo di una Chevrolet Cavalier nera del 2002 con la targa DTR1854 del Michigan, come ha comunicato la polizia che ha diramato in tutto il Paese un appello a farsi avanti a chiunque li avvisti o abbia notizie su di loro. 

Candice e Brad sono entrambi ricercati per tortura, abusi su un minore e omicidio: un'accusa scattata subito dopo l'autopsia del 3 gennaio sulla piccola che, dopo essere stata trovata esanime il 1° gennaio, venne portata di corsa all'ospedale St. Joseph Mercy di Ann Arbor, non lontano da Detroit, dove fu dichiarata morta. La violenza assurda di cui è rimasta vittima Gabrielle non è stata comunque un fulmine a ciel sereno: Brad aveva avuto già in precedenza guai con la giustizia per violenze domestiche e possesso di armi, così come Candice era stata arrestata per possesso di armi, droga e documenti falsi. Nonostante tutto ciò, la donna, dopo la separazione dal padre di Gabrielle, Kyle Barrett, aveva ottenuto l'affidamento esclusivo della piccola: una decisione dei giudici che si è rivelata tragica, anche alla luce delle pessime condizioni in cui veniva tenuta la casa in cui cresceva Gabrielle.

Distrutti dalla tragedia, ovviamente, i parenti della bimba. «Era un angelo sempre sorridente, vivacissima, portava gioia a chiunque la vedesse - dice il nonno Jerry Barrett - La sua perdita ha letteralmente fatto a pezzi tutti noi. Non avevamo idea della condizione in cui la madre la faceva vivere: se solo avessi saputo, sarei andato lì in un battibaleno e l'avrei portata via». Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio, 19:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Se il figlio non sta mai fermo la soluzione è tre sport in uno

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma