Allarme Nato: «Russia minaccia la Moldavia». Ucraina: più alta possibilità di guerra

Allarme Nato: «Russia minaccia la Moldavia». Ucraina: più alta possibilità di guerra
3 Minuti di Lettura
Domenica 23 Marzo 2014, 18:21 - Ultimo aggiornamento: 24 Marzo, 07:47

La Russia ha accumulato una forza militare sul confine orientale talmente imponente da minacciare anche le altre repubbliche post-sovietiche, in particolare la regione moldava della Transnistria. L'allarme è arrivato dal generale Philip Breedlove, capo delle forze Nato in Europa, nel corso di un evento al German Marshall Fund. «Le forze russe al confine ucraino sono sufficienti e pronte per entrare in Transnistria ed è una cosa preoccupante», ha detto, spiegando che la Russia «sta agendo più come avversario che come partner».

Il presidente Vladimir Putin. ha emanato oggi un decreto con il quale ordina che entro una settimana venga adeguata la struttura amministrativa della Crimea a quella russa. In base al provvedimento, entro sabato prossimo la polizia, la difesa civile, l'intelligence interna e altre strutture di governo dovranno essere in linea con le leggi e le procedure russe. Mosca controlla già militarmente l'ex penisola ucraina che nel referendum di una settimana fa ha deciso con il 95 per cento dei voti l'annessione alla Russia.

Usa. Il spiegamento di truppe russe ai confini dell'Ucraina «è probabile che sia per intimidire» ma è anche «possibile» che la Russia «si stia preparando» a entrare in Ucraina. Lo ha detto il vice consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Tony Blinken, intervenendo sulla Cnn.

Mosca ha smentito oggi di aver ammassato truppe alla frontiera con l'Ucraina e ha assicurato di osservare gli accordi internazionali in materia. «Il ministero della difesa rispetta tutti gli accordi internazionali che limitano il numero di truppe nelle regioni frontaliere con l'Ucraina», ha dichiarato il vice ministro della difesa Anatoli Antonov, citato da Interfax.

Le possibilità di una guerra con la Russia «sono più alte». Così il ministro degli esteri dell'Ucraina, Andrii Deschchytsia, in un'intervista ad Abc. «Siamo molto preoccupati del dispiegamento di truppe russe. Siamo pronti a rispondere e, come sapete, il governo dell' Ucraina sta cercando di usare tutti i mezzi di pace e diplomatici per fermare la Russia ma la gente è pronta a difendere la loro terra» afferma. «Il problema è che Putin non parla con il resto del mondo e non vuole ascoltarlo».

Putin-Merkel. Colloquio telefonico dedicato all'Ucraina tra il presidente russo Vladimir Putin e la cancelliera tedesca Angela Merkel. Lo rende noto un comunicato del Cremlino precisando che i due leader hanno espresso la loro soddisfazione dopo l'accordo raggiunto per l'invio di una missione Osce in Ucraina (ma non in Crimea). Merkel e Putin, secondo il Cremlino, «hanno discusso della situazione dopo la riunificazione della Crimea alla Federazione russa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA