Ucraina, si lancia dall'ottavo piano e si schianta su un bimbo di 21 mesi: morti entrambi

Martedì 2 Gennaio 2018 di Federica Macagnone
8

Hanno provato di tutto per salvarlo, ma non c'è stato nulla da fare: un bimbo di 21 mesi è morto dopo essere rimasto schiacciato dal peso di un uomo di 39 anni che si era lanciato dall'ottavo piano per suicidarsi. La tragedia è avvenuta a Zaporižžja nel sud-est dell'Ucraina dopo una festa di Capodanno dove il piccolo era andato con i genitori.
 

 

La mamma, Anna Polishchuk, un'insegnante, stava salutando ancora alcuni parenti, mentre il marito e il figlio erano già scesi in strada: poi il tonfo, le urla di disperazione del papà e la chiamata immediata ai soccorsi nella speranza che riuscissero a salvare il piccolo. Quando Anna è scesa in strada, i medici stavano già tentando disperatamente di rianimare il bimbo: nonostante tutti gli sforzi, per lui non c'è stato nulla da fare. Morto anche Evgenij, l'operaio edile e vicino di casa della famiglia, che si era lanciato dalla finestra all'ottavo piano del palazzo. «Stiamo indagando sulle ragioni che hanno spinto l'uomo al suicidio – ha detto un portavoce della polizia - Stiamo verificando se fosse ubriaco o se ci fossero altri motivi che lo hanno spinto a togliersi la vita».

Drammatiche le testimonianze dei vicini di casa che hanno assistito all'incidente. «Ho sentito un forte tonfo e poi ho visto la madre del bimbo che si è precipitata in strada - ha raccontato Sergey Borisov - L'ho vista correre verso l'ambulanza e una volta lì ha capito che cosa era successo. Ho dovuto chiudere le finestre per non sentire le sue angosciate urla di dolore. Erano strazianti». Un'altra vicina scesa in strada dopo la tragedia ha raccontato: «Un medico, uscito dall'ambulanza, ci ha visti tutti in attesa di notizie e ci ha detto: “Pregate per il bambino, stiamo cercando di salvarlo”. È stata la prima volta nella mia vita in cui ho visto così tante persone pregare ad alta voce». A comunicare il decesso del piccolo è stato Vitaly Reznikov, che ha confermato che l'uomo era caduto sopra il bambino: «È stato uno schianto spaventoso. Abbiamo cercato di rianimare il piccolo, ma aveva gravi danni al cuore e ai polmoni ed è morto all'interno dell'ambulanza».

Dopo che la notizia del tragico incidente è trapelata in tanti si sono riversati sui social per scrivere una parola di conforto ad Anna e al marito. «Che dolore indicibile. Mi dispiace molto, Anna. Pregherò per te e tuo marito. Resta forte - ha scritto Lina Holoshchapova - Non riesco a dormire, non faccio altro che piangere per te. Nessuna parola può aiutarti, lo so, ma sono con te. Sono anche io una madre e, mio Dio, quello che è successo è impossibile da comprendere». Un'altra utente, Victoria Zabusik, ha aggiunto: «Migliaia di persone stanno pensando a te e pregano per te. Per favore cerca di rimanere forte». E ancora: «Come possiamo trovare parole di sostegno per voi... sappiate che tutta l'Ucraina sta piangendo con voi e la vostra famiglia».

Ultimo aggiornamento: 3 Gennaio, 21:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

I muri dei bagni come social network: all'università si scrive di politica

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma