Si sveglia dal coma quattro ore prima che i familiari stacchino la spina, ma perderà gambe e braccia

Sabato 31 Gennaio 2015 di Federica Macagnone
Teri Roberts
Avevano già fatto i conti con una realtà devastante. Erano in procinto di darle l'ultimo saluto, di staccare quella spina che teneva legata la loro mamma con un filo, diventato giorno dopo giorno quasi invisibile, alla vita. Il 22 dicembre sarebbe dovuto essere l'ultimo giorno per Terri Roberts, una donna di 56 anni del Nebraska colpita improvvisamente da un'infezione che l'ha ridotta in fin di vita in meno di dieci giorni.



I familiari di Terri avevano deciso di staccare la spina e lasciarla andare. Poi il miracolo, inaspettato come un ritorno alla vita di cui si erano perse le speranze: quattro ore prima che le dicessero addio, Teri ha aperto gli occhi e ha fermato le mani che avrebbero decretato la sua morte.



«Si è magicamente svegliata. Quattro ore dopo sarebbe stato troppo tardi» ha raccontato oggi Ryan Roberts, uno dei figli. Un'emozione improvvisa, come era stato improvviso il viaggio verso gli abissi della donna: il 12 dicembre Terri ha iniziato a sentirsi male. All'inizio i sintomi facevano pensare a una brutta influenza ma sotto quel malore c'era una diagnosi più grave: la donna era stata colpita dalla sindrome da shock tossico da streptococco. Poche ore più tardi era in coma e i medici stavano già discutendo se amputare i quattro arti per non intaccare gli organi vitali. Qualche giorno dopo ogni speranza sembrava persa, a tal punto che i familiari avevano deciso di staccare la spina.



Poi il miracolo a quattro ore da quella che appariva come una sentenza di morte. Terri ha aperto gli occhi e, nonostante sia stata informata della possibilità di perdere gambe e braccia, ha sorriso alla vita e alla sua seconda chance. Il 10 gennaio la donna ha subito l'amputazione di tutti e quattro gli arti. I medici hanno atteso per vedere se i tessuti potessero recuperare ma così non è stato. «È straziante vedere come certe volte dimentica di aver perso le mani e cerca di afferrare qualcosa - ha raccontato Ryan – Tuttavia è di buon umore ed è desiderosa di intraprendere questo nuovo difficile cammino». Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio, 01:24

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma