Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Taipei, studente al museo inciampa e buca un quadro da 1,5 milioni di dollari VIDEO

Taipei, studente al museo inciampa e buca un quadro da 1,5 milioni di dollari VIDEO
di Federica Macagnone
2 Minuti di Lettura
Martedì 25 Agosto 2015, 13:16 - Ultimo aggiornamento: 26 Agosto, 17:18

Una gita con la scuola si è trasformata in un incubo per un dodicenne che domenica scorsa, durante una visita a un museo di Taipei, ha danneggiato irrimediabilmente un dipinto del maestro italiano barocco Paolo Porpora del valore di 1,5 milioni di dollari.

Il ragazzino stava bevendo una bibita quando è inciampato in una fune di sicurezza e si è appoggiato con una mano sulla tela, bucandola. La natura morta, intitolata “Fiori” fa parte di una collezione privata ed è datata 1660: il dipinto era esposto insieme ad altre 54 opere di maestri italiani che hanno operato in un periodo compreso tra il XVI e il XX secolo.

Il curatore della mostra “The Face of Leonardo”, Andrea Rossi, ha comunicato di voler provvedere alla restaurazione prima di rispedire il dipinto in Italia: purtroppo la tela, nonostante il restauro accurato, rimarrà irrimediabilmente danneggiata.

Nessuna paura per le sorti del ragazzino: gli organizzatori della mostra, che hanno diffuso il video delle telecamere di sorveglianza, hanno annunciato che non chiederanno alla famiglia un risarcimento. Il ragazzino era nervoso e preoccupato per quello che era successo, secondo quanto ha affermato il direttore della mostra, Sun Chi-hsuan, a Focus Taiwan, e il quadro era assicurato.

Sorte differente è capitata ad Andrew Shannon, l’uomo che nel 2012, durante una visita alla National Gallery di Dublino, colpì volutamente con un pugno l’olio su tela di Claude Monet, Il bacino di Argenteuil con una barca, risalente al 1874 e del valore di 10 milioni di euro: l'uomo è stato condannato a 5 anni di carcere e a 15 mesi di interdizione dalle gallerie d’arte.