Solstizio d'inverno a Stonehenge: lo spettacolo nel giorno più corto dell’anno

Centinaia di adepti salutano l'inverno nel sito preistorico di Stonehenge
di Ida Artiaco
2 Minuti di Lettura

Il 22 dicembre, data del cosiddetto solstizio di inverno, è cominciata ufficialmente la stagione più fredda dell’anno. A mezzogiorno il sole ha raggiunto la minima altezza sull’orizzonte ed ha poi cominciato lentamente a calare in quello che è da sempre considerato il giorno più corto dell’anno. Come da tradizione, numerosi curiosi si sono ritrovati all’alba di ieri nel sito preistorico di Stonehenge, a 130 chilometri a Sud di Londra.

Muniti di vesti medioevali e unicorni, la scena ricreata è stata come sempre pittoresca. Il sole è sorto intorno alle 8, ma il vero solstizio, l’allineamento del famoso monumento con il sole, si è avuto alle sei del mattino. Quando si parla di questo fenomeno, si intente infatti il momento in cui la stella infuocata raggiunge la massima distanza angolare rispetto al piano dell’equatore terrestre.

Quest’anno, però, nel sito britannico c’era ben poco di invernale. Complici le temperature miti, intorno ai 15 gradi, sembrava più che altro di festeggiare l’arrivo della primavera in questa regione, da giorni risparmiata dalle correnti fredde. Il successo di questo tipo di eventi si riflette nel numero di adepti al paganesimo che in Inghilterra e Galles ha raggiunto le 81mia persone.

Mercoledì 23 Dicembre 2015, 15:39 - Ultimo aggiornamento: 26 Dicembre, 17:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA