Meno sesso, siamo giovani: i teenager Usa non sono più così precoci

Mercoledì 22 Luglio 2015 di Anna Guaita
Bombardati da stimoli sessuali da ogni parte, dalla tv, dal web, dal cinema, i giovani americani di oggi sembrano reagire nel modo opposto: invece di essere più curiosi e di avventurarsi in relazioni sessuali prima del solito, va aumentando il numero di coloro che preferisce aspettare. Secondo i sondaggi dei Centers for Disease Control, rispetto agli anni Ottanta si è verificato il fenomeno di una forte riduzione dei ragazzi con esperienze sessuali. La contrazione è stata del 14 per cento fra le teen-ager di età compresa fra i 15 e i 19 , mentre fra i ragazzi la contrazione arriva al 22 per cento. Come immediata conseguenza di questa diminuita attività sessuale, sono diminuite anche le gravidanze : rispetto al 1991, c’è stato uno spettacolare crollo del 57 per cento nel numero di gravidanze indesiderate fra le giovani di età inferiore ai 19 anni.



Ovviamente non si deve credere che tutti i giovani si astengano. La percentuale delle ragazze che fanno sesso almeno una volta prima dei 19 anni rimane intorno al 44 per cento, e quello dei ragazzi sul 47 per cento. Tuttavia la diminuzione è molto forte, e gli studiosi pensano che i giovani siano diventati più astuti e attenti. E in un certo senso sembra sia proprio l’abbondanza dei messaggi erotici che li rende più “saggi”, secondo quanto spiega Nicole Cushman, direttrice dell’organizzazione Answer, parte della Rutger University del New Jersey, che istruisce gli insegnanti di educazione sessuale: “I giovani di oggi conoscono i media. Sono informati. Crescono in un mondo digitale, che li rende anche abbastanza astuti”.



Secondo la professoressa Cushman, i dati dei Centers for Disease Control provano anche che c’è stato “uno spostamento del pendolo” nell’atteggiamento sociale, per cui rimanere incinte in età molto giovane “non è più considerato normale”. Dunque le giovani o aspettano o - se scelgono di avere rapporti sessuali – raramente lo fanno senza protezione: il 79 per cento delle ragazze e l’84 dei ragazzi usa un contraccettivo, in genere il profilattico, che garantisce anche una protezione contro le temute malattie sessuali.



Ma esiste tuttora una percentuale di giovani che si affida al pericoloso “coitus interruptus”, e guarda caso, ciò ha anche generato un aumento del numero di giovani che acquistano in farmacia la “pillola del giorno dopo”. Il 22 per cento delle ragazze ha dichiarato di aver dovuto far ricorso almeno una volta alla pasticca del “piano B”, che impedisce la fecondazione purché assunta entro 72 ore dall’”incidente”. Negli anni Ottanta, solo l’8 per cento delle ragazze faceva ricorso a questo farmaco anti-concezionale di emergenza. Ma allora non era disponibile in farmacia senza ricetta. Ultimo aggiornamento: 23 Luglio, 18:08